Sei in:

Quinta commissione. Via libera alle linee guida per la predisposizione del nuovo atto aziendale. Guarda il video

La Quinta commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto, presieduta da Fabrizio Boron (Zaia Presidente) ed alla presenza degli Assessori regionali Luca Coletto Manuela Lanzarin, ha dato ieri il via libera a maggioranza al Pagr n. 189 del 18 aprile 2017 riguardante le linee guida per la predisposizione da parte delle aziende ed enti del SSR del nuovo atto aziendale, per l’approvazione della dotazione di strutture nell’area non ospedaliera, per l’organizzazione del Distretto, per l’organizzazione del Dipartimento di Prevenzione, per l’organizzazione del Dipartimento di Salute Mentale. A breve sarà disponibile il testo del parere della Commissione da cui sarà possibile conoscere nel dettaglio le modifiche apportate dai consiglieri alle Linee guida provvisorie presentati dalla Giunta regionale in aprile.

 “Oggi è stata una giornata importante – ha dichiarato il Presidente Boron – perché la Commissione ha votato la delibera sulle linee guida degli atti aziendali, un passaggio tecnico che dà finalmente la parola ai Direttori generali per costruire l’organigramma e l’organizzazione sul territorio delle nuove Ulss dopo la riforma contenuta nella legge n. 19. Si tratta di una delibera che è stata votata dalla maggioranza, ma con l’astensione delle opposizioni e soprattutto, e intendo sottolinearlo, con il recepimento delle indicazioni e dei suggerimenti che ci sono arrivati dal territorio. La Commissione le ha integrate nella delibera ed il risultato è stato un voto finale pressoché unanime. Diamo finalmente inizio alla fase operativa della legge n. 19”.
Il Pd, che si è astenuto, ha commentato: “L’integrazione sociosanitaria non verrà smantellata. Ci siamo astenuti perché sono state recepite le nostre proposte di ‘distretto forte’, la maggioranza ha accolto le indicazioni di garantire in ognuna delle  ex Ulss i servizi fondamentali per le persone e le famiglie”.
Per Massimiliano Barison (Forza Italia), “si tratta di un atto di estrema importanza perché incide sulla dotazione di strutture, sull’organizzazione del Distretto, su quella del Dipartimento di Prevenzione e anche sul Dipartimento di Salute Mentale. L’importanza deriva anche dal fatto che si tratta delle prime linee guida emanate dalla Regione dopo l’approvazione della Riforma della Sanità che ha introdotto novità ‘rivoluzionarie’ con l’organizzazione provinciale delle Ulss e dei servizi amministrativi nell’Azienda Zero. Un passaggio delicato quindi che abbiamo accompagnato grazie a numerose audizioni in commissione e a diversi incontri sul territorio. Le proposte provenienti dalle assemblee dei sindaci, dagli operatori del settore e  dalle parti sociali hanno assicurato un giusto equilibrio, così che attraverso l’ottimizzazione delle risorse disponibili sarà possibile restituire investimenti sul territorio”.
25 luglio 2017

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top