Breaking news

Sei in:

Agroalimentare Ue. Prospettive a breve termine sostanzialmente positive per i mercati nel 2020. Nonostante le incertezze

Alla terza edizione di quest’anno, le prospettive a breve termine devono affrontare la sfida di tener conto delle conseguenze della crisi del Covid-19, nonostante le molte incertezze. Rispetto ad altri, tuttavia, si prevede che l’impatto della crisi sul settore agroalimentare rimarrà limitato. I modelli emergenti sembrano per lo più rafforzare le tendenze esistenti, come un aumento della domanda di prodotti agroalimentari locali, delle filiere corte e delle vendite online.

In questo contesto, la situazione nel 2020 rimane relativamente positiva: i prezzi dei prodotti lattiero-caseari e della carne sono in ripresa; la crescita della raccolta del latte rimane forte; la bilancia commerciale positiva nel settore della carne è in aumento; si stima che la produzione di semi oleosi e di colture proteiche aumenterà; e le esportazioni di olio d’oliva dell’UE raggiungeranno un nuovo livello record. Eccezioni degne di nota sono i cereali (in particolare il grano) e lo zucchero, che hanno entrambi subito danni dalle condizioni meteorologiche o fitosanitarie avverse.

L’ultima relazione sulle prospettive a breve termine per i mercati agricoli dell’UE, pubblicata il 5 ottobre 2020 dalla Commissione europea, presenta una panoramica più dettagliata delle ultime tendenze e prospettive per ciascun settore agroalimentare.

Seminativi

Nel 2020/21, a causa della siccità durante l’estate, che ha influenzato negativamente lo sviluppo delle piante, si prevede che la produzione totale di cereali dell’UE raggiungerà i 274,3 milioni di tonnellate, il 7% in meno rispetto al 2019/20. La produzione di grano tenero è stimata a 115,5 milioni di tonnellate per il 2020/21, con un’area che ha toccato il minimo deglinultimi 13 anni. Per quanto riguarda il mais, la produzione dovrebbe diminuire fino a raggiungere i 63,1 milioni di tonnellate, il 10% in meno rispetto allo scorso anno. Questo calo deriva principalmente dalle minori rese in tutta l’UE.

Per quanto riguarda i semi oleosi e le colture proteiche, la produzione totale di semi oleosi dell’UE dovrebbe raggiungere i 28,4 milioni di tonnellate, con un leggero aumento dell’1% rispetto al 2019/20. L’aumento è sostenuto dalla produzione di colza, che si prevede raggiungerà i 15,8 milioni di tonnellate, in crescita del 3% rispetto allo scorso anno ma ancora bassa in termini storici (15% al ??di sotto della media quinquennale). La produzione di colture proteiche dovrebbe aumentare in modo significativo, fino a raggiungere i 4,5 milioni di tonnellate per il 2020/21, con un aumento del 10% rispetto al 2019/20. Anche il consumo di colture proteiche dovrebbe crescere del 5%, grazie a un maggiore utilizzo nell’alimentazione animale e ad un aumento della domanda per il consumo umano.

La produzione di zucchero dell’UE + Regno Unito è stimata a 17,4 milioni di tonnellate per il 2019/20, leggermente inferiore rispetto allo scorso anno. Con una produzione inferiore, una minore domanda globale e un calo dei prezzi mondiali, le esportazioni sono rimaste basse (si prevede che saranno di 0,8 milioni di tonnellate). Per il 2020/21, la produzione dell’UE (escluso il Regno Unito) dovrebbe diminuire ulteriormente, da 16,2 a 15,9 milioni di tonnellate. Tuttavia, il consumo dovrebbe recuperare, a seguito di un calo durante le misure di confinamento Covid-19.

Latte e prodotti lattiero-caseari

La raccolta complessiva di latte dell’UE dovrebbe crescere dell’1,4% nel 2020, grazie ad un aumento della produzione di latte, condizioni di pascolo favorevoli fino a luglio e alimenti zootecnici a prezzi accessibili. La mandria da latte dovrebbe diminuire, principalmente a causa dell’aumento della macellazione nella seconda metà dell’anno. Nel 2021, la produzione di latte dell’UE potrebbe crescere dello 0,8%, trainata dalla crescita della resa da un lato e da un’ulteriore riduzione della mandria da latte dall’altro. Dopo l’epidemia di Covid-19, si prevede che le vendite dirette continueranno a crescere, con una maggiore domanda di cibo locale e per le filiere corte.

I prezzi competitivi dell’UE per SMP, WMP e burro continuano a sostenerne le esportazioni. Per tutti e tre questi prodotti lattiero-caseari, la domanda di esportazioni è in crescita nel 2020, raggiungendo livelli particolarmente elevati per la SMP (850.000 tonnellate) e burro (320.000 tonnellate), sostenendo la crescita della produzione.

Il consumo di formaggio dell’UE continua ad essere influenzato negativamente dalla chiusura dei servizi di ristorazione, che potrebbe tradursi in un leggero calo dello 0,2% nel 2020. Tuttavia, le esportazioni dell’UE dovrebbero crescere del 5% con una domanda globale positiva, con un conseguente aumento della produzione dello 0,7 %. Ulteriori aggiustamenti nel settore della ristorazione e della vendita al dettaglio dovrebbero aiutare il consumo a crescere dello 0,5% nel 2021. Questo aumento, combinato con l’aumento delle esportazioni dell’UE, dovrebbe portare a una crescita della produzione dello 0,5%.

Il settore della carne

La produzione di carne bovina dell’UE è diminuita del 2,4% nella prima metà del 2020 a causa delle misure di restrizione messe in atto per il Covid-19 e della minore domanda da parte della ristorazione. La domanda è in ripresa grazie alla riapertura di ristoranti e alla ripresa del turismo, portando ad un calo complessivo stimato della produzione di carne bovina dell’1,4%. Nel 2021, si stima un ulteriore calo dell’1,5% a causa di una riduzione delle dimensioni della mandria in alcuni paesi dell’UE. Anche il consumo di carne bovina dovrebbe diminuire del 2,1%, arrivando a 10,4 kg pro capite nel 2020.

Per quanto riguarda le carni suine, mentre la produzione è stata in calo nella prima metà dell’anno, prezzi favorevoli, un ritorno della domanda dei consumatori e recenti investimenti hanno contribuito all’aumento della produzione negli ultimi mesi. Tuttavia, la recente scoperta della peste suina africana (PSA) in Germania, che ha portato a divieti di esportazione, avrà un impatto sul mercato tedesco, e quindi dell’UE. La produzione di carni suine dovrebbe diminuire nel 2020 e nel 2021, rispettivamente dello 0,5% e dell’1%. Il consumo dovrebbe invece diminuire dell’1,1%, arrivando a 32,8 kg pro capite nel 2020.

La produzione avicola dell’UE dovrebbe aumentare nel 2020 dell’1%, sostenuta da uno spostamento della domanda da altre carni al pollame durante il blocco. La riapertura della ristorazione e la forte domanda al dettaglio hanno ulteriormente contribuito a questo aumento. Allo stesso modo, per il 2021 è prevista una crescita modesta dell’1%. Anche i consumi dovrebbero aumentare nel 2020, con un aumento dell’1,5%, raggiungendo i 23,7 kg pro capite.

Per quanto riguarda la carne di pecora e capra, la produzione dell’UE è diminuita notevolmente nella prima metà del 2020 a causa della minore domanda da parte dei servizi di ristorazione e del consumo domestico durante i periodi festivi, e della forte carenza di offerta. Nel complesso, la produzione nel 2020 e nel 2021 diminuirà rispettivamente del 3% e del 2%, ipotizzando greggi più piccole, meno capi e una domanda interna stagnante. Il consumo dovrebbe diminuire nel 2020 del 4%, fino a 1,3 kg pro capite.

Clicca qui per scaricare il report integrale: “Report: EU agricultural markets short-term outlook – autumn 2020″

 

fonte Ruminantia

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top