Breaking news

Sei in:

Alimentazione. Petizione di ActionAid, Cittadinanzattiva e Slow Food per rivedere le linee di indirizzo sulla ristorazione scolastica

Le tre realtà, unite nell’alleanza “Italia Sveglia”, chiedono che vengano utilizzati prodotti locali e sani per i cittadini e l’ambiente, il rispetto di lavoratori, ambiente e consumatori; maggiore trasparenza negli appalti; la partecipazione  di genitori e alunni alla definizione del servizio; la riduzione di sprechi e rifiuti.

Rivedere, entro il 31 ottobre, le linee di indirizzo per la ristorazione scolastica. E’ la richiesta che ActionAid, Cittadinanzattiva e Slow Food, unite nell’alleanza “Italia Sveglia”, rivolgono a Presidente del Consiglio Matteo Renzi, al Governo italiano e ai Ministeri di competenza tramite una petizione da firmare. Anche perchè, sottolineano, si tratta di un servizio che riguarda 380 milioni di pasti l’anno e 2,5 milioni di utenti per un fatturato di circa 1,3 miliardi di euro.

In particolare “Italia Sveglia” ritiene opportuno:

• Utilizzo di prodotti locali e sani per i cittadini e l’ambiente;

• Rispetto di lavoratori, ambiente e consumatori;

• Partecipazione di genitori e alunni alla definizione del servizio;

• Trasparenza delle gare di appalto;

• Riduzione degli sprechi e dei rifiuti.

 QS – 20 luglio 2015

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top