Breaking news

Sei in:

Allevatori, la guerra divide Veneto. Treviso e Padova contro l’Arav

«Quella che doveva essere una riorganizzazione dettata da esigenze di razionalità, efficienza e di una migliore gestione, si sta trasformando in un disastro senza precedenti»

E questo «a causa dei conflitti tra le diverse sigle di rappresentanza delle aziende agricole e conflitti fra le associazioni provinciali degli allevatori (Apa) e l’Associazione regionale degli allevatori (Arav)». Il mondo di riferimento è quello delle associazioni preposte a controlli funzionali, assistenza tecnica, analisi qualitativa degli alimenti e dei prodotti zootecnici. E mentre lo scontro interno si fa sempre più aspro, arrivando a mettere in discussione anche la leadership regionale di Coldiretti, i sindacati lanciano l’allarme (ci sono da gestire due licenziamenti e della cassa integrazione) sul processo di regionalizzazione delle associazioni allevatori venete.

Un progetto che non è mai stato digerito, «è stato calato dall’alto senza alcuna condivisione» sottolinea un allevatore, sfociato in una lotta di potere fra le due principali territoriali, Treviso e Padova, contro il vertice regionale dell’Arav. Sullo sfondo un anno vissuto a colpi di dispetti e diktat, con le due Apa virtuose (Treviso e Padova) che contestano la gestione regionale affidata a Luigi Sambugaro (presidente) e Achille Asti (direttore), e risorse pubbliche (circa 4 milioni di euro) che escono dalle casse della Regione (anche se si tratta di fondi derivanti in buona parte da trasferimenti statali) per finanziare l’attività dell’Arav e delle sette Apa provinciali. Un quadro che gli stessi sindacati definiscono «desolante».

L’accentramento, con l’esclusione della funzione di assistenza tecnica, dei compiti delle sette provinciali in un’unica struttura regionale puntava a una gestione più efficiente ma più di qualcosa pare non aver funzionato. Qualche territoriale ha bilanci non approvati dai revisori dei conti e quelle in attivo non vogliono coprire questi buchi. «A pagare le conseguenze dello scontro in atto sono in primo luogo i lavoratori dipendenti» dicono i sindacati che oggi incontreranno i vertici di Coldiretti Veneto e poi l’assessore regionale all’Agricoltura, Franco Manzato.

«Sia sotto il profilo economico, in alcune situazioni gli stipendi sono pagati con un ritardo di 2 o 3 mesi, sia professionale per la caotica e sconclusionata gestione del lavoro». Ma anche il sistema associativo mostra crepe profonde: sui 125mila capi controllati, complessivamente, 20mila sono già “usciti”. Per Coldiretti Veneto il tasto è dolente: il presidente regionale, Giorgio Piazza, è stato messo in discussione.

Manzato deve risolvere la grana e intanto ha annunciato lo stop ai fondi fino a quando il fronte non sarà pacificato

Il Mattino di Padova – 25 settembre 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top