Breaking news

Sei in:

Alto Vicentino. Macellazione a domicilio. Anche Coldiretti contro l’Usl 4: «Il salame fatto in casa messo al bando dalla burocrazia»

La Coldiretti vicentina scende in campo per difendere «il salame fatto in casa» dopo il divieto sottoscritto dal veterinario dell’Asl 4 Fabrizio de Stefani. Seguendo una legge del 1928, il medico ha stabilito che nei comuni di appartenenza all’Asl 4 non si potrà più macellare in casa il maiale perché potrebbero mancare le condizioni sanitarie necessarie.

Dopo la presa di posizione di molti sindaci locali e di istituzioni, è ora il turno di Coldiretti di Vicenza: «La macellazione domestica è stata messa al bando non dal buon senso ma dalla burocrazia», accusa il presidente Cerantola. «Le tradizioni hanno un grande valore per la nostra storia – ha aggiunto – e in questo caso il divieto ferisce il mondo agricolo e allevatoriale che per secoli ha eseguito questa pratica tramandandola di padre m figlio: quasi a celebrare un rito che la stessa famiglia ha sempre vissuto come un momento denso di significato e valore». Coldiretti auspica che ci sia al più presto un incontro tra Asl 4 e i diretti interessati per dirimere la questione e porre rimedio ad una questione ritenuta da molti assurda. «È difficile comprendere per quale ragione, improvvisamente, l’Asl 4 abbia ritenuto opportuno mettere in discussione una pratica entrata a far parte delle tradizioni contadine, senza che siano stati segnalati eventi sanitari di rilievo».

Il Gazzettino – 1 dicembre 2014

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top