Breaking news

Sei in:

AMR. Rapporto congiunto Ecdc, Efsa, Ema e Ocse. Antimicrobici nell’Ue: tra il 2011 e il 2020 diminuito il consumo nell’uomo del 23% e negli animali del 43%

La resistenza antimicrobica rimane una seria sfida, una pandemia silenziosa che richiede, secondo Ecdc, Efsa, Ema e Ocse, una risposta One Health. Il nuovo rapporto congiunto

L’abuso di antibiotici è tra i principali fattori alla base dello sviluppo della resistenza antimicrobica (Amr). La resistenza agli antibiotici di ultima linea compromette anche l’efficacia degli interventi medici salvavita come la terapia intensiva, il trattamento del cancro e il trapianto di organi. Il consumo complessivo di antibiotici nell’uomo nell’Unione europea/Spazio economico europeo (Ue/See) è diminuito del 23% tra il 2011 e il 2020, in particolare durante la pandemia di Coronavirus 2019 (tra il 2019 e il 2020, il consumo medio totale di antibiotici è diminuito di quasi il 18%). Tuttavia, l’uso relativo di antibiotici ad ampio spettro è aumentato e una significativa variabilità tra i paesi suggerisce che sono ancora possibili riduzioni. Gli sforzi per ridurre l’uso non necessario di antibiotici negli animali da produzione alimentare hanno portato a una diminuzione del 43% dell’uso tra il 2011 e il 2020 in 25 paesi con segnalazioni coerenti. Nonostante la riduzione del consumo di antibiotici sia negli esseri umani che negli animali da produzione alimentare, la resistenza antimicrobica nei batteri degli esseri umani nell’UE/SEE è aumentata per molte combinazioni antibiotico-batterio dal 2011. Particolarmente preoccupante è l’aumento della resistenza agli antibiotici di importanza critica usati per trattare i comuni infezioni associate all’assistenza sanitaria. Sebbene le tendenze recenti siano state incoraggianti, la resistenza agli antibiotici comunemente usati nei batteri degli animali da produzione alimentare rimane elevata (da >20% a 50%) o molto elevata (da >50% a 70%) e vi sono significative variazioni regionali nell’UE / regione See.

È quanto emerge dal rapporto congiunto di Ecdc, Efsa, Ema e Ocse che inoltre mette in evidenza come le prove che la resistenza antimicrobica può diffondersi tra animali, esseri umani e ambiente stanno aumentando. “Ridurre l’uso di antibiotici negli animali da produzione alimentare, sostituirli ove possibile e ripensare il sistema di produzione animale in un approccio One Health – affermano le organizzazioni – è essenziale per il futuro della salute animale e pubblica. I paesi dell’Ue/See hanno compiuto importanti passi avanti negli ultimi anni nello sviluppo e nell’attuazione di piani d’azione nazionali sulla resistenza antimicrobica, ma permangono delle lacune”. In particolare le analisi dell’Ocse suggeriscono che le massime priorità per l’Ue/See includono:

Valutazione e monitoraggio dell’attuazione dei piani d’azione nazionali.
Sorveglianza integrata e ampliata dell’Amr nei batteri dell’uomo, degli animali e dell’ambiente.
Investire in efficaci interventi di riduzione dei costi, come programmi di gestione antimicrobica e prevenzione e controllo delle infezioni (Ipc).

Un nuovo sondaggio dell’Ocse mostra che pochissimi paesi hanno politiche che affrontano specificamente la resistenza antimicrobica nelle strutture di assistenza a lungo termine, Ltcf.

“Sebbene i dati disponibili suggeriscano una riduzione del consumo di antibiotici negli esseri umani durante la pandemia – concludono Ocse, Efsa, Ecdc e Ema- la resistenza antimicrobica rimane una seria sfida nell’UE/SEE. La resistenza antimicrobica non può essere contenuta all’interno di confini o regioni, sottolineando la necessità di un’azione concertata in tutta l’UE/SEE”.

 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top