Breaking news

Sei in:

Approfondimento. Conti pubblici, per l’Europa davvero ‘ce l’abbiamo fatta’?

di Lavoce.info. Ce l’abbiamo fatta? Sono effettivamente aumentati i margini di manovra per la politica di bilancio italiana? E di quanto? La Commissione europea concede ai paesi che rispettano la soglia del 3 per cento, riferita al disavanzo effettivo, di deviare dall’obiettivo di medio termine del pareggio strutturale (vale a dire, del disavanzo corretto per il ciclo pari a zero). Purché, tuttavia, si continui a restare al di sotto della soglia del 3 per cento.

di Tito Boeri* e Giuseppe Pisauro**

Traducendo il latinorum del fiscal compact, in pratica si può avere al massimo un disavanzo pari al 3 per cento del Pil nel 2013 e nel 2014. Cosa significa per l’Italia? Secondo le ultime stime ufficiali (Def di aprile), il disavanzo dovrebbe essere al 2,9 nel 2013 e all’1,8 nel 2014. Quelle stime, tuttavia, incorporavano previsioni di crescita dell’economia ormai superate in peggio. Per il 2013 siamo già alla soglia, se non oltre la soglia. Per il 2014 le previsioni più recenti (quelle del Centro Studi Confindustria) ci accreditano un disavanzo del 2,6 per cento, quindi a solo lo 0,4 per cento dal tetto. Stiamo perciò parlando di circa 5 miliardi e mezzo in più di flessibilità nel 2014.

Poco e tardi. Con la disoccupazione oltre il 12 per cento e più di 7 milioni fra disoccupati, lavoratori scoraggiati, cassintegrati a zero ore e sottoccupati, servirebbero interventi di stimolo dell’economia più importanti e subito, non  nel 2014.

Inoltre tutti dimenticano che, con un eccesso di zelo degno di miglior causa, abbiamo approvato una riforma della costituzione che ci impone il pareggio strutturale di bilancio proprio a partire dal 2014. Nel 2014 non saremo, si spera, in recessione. A rigore non potremo deviare dal pareggio. Per la flessibilità a quel punto dovremo chiedere lumi non solo alla Commissione europea ma anche alla nostra Corte Costituzionale. E quello in carica è, dopotutto, un Governo del Presidente, un esecutivo che non può certo ignorare la Costituzione.

*(lavoce.info) – 6 luglio 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top