Breaking news

Sei in:

Appropriatezza prescrittiva. Lorenzin illustra il Decreto ai sindacati medici che dicono no alle sanzioni. I testi

lorenzin 2-U1028662852987cE--258x258Quotidiano Sanita-WebSalgono a 208 le prestazioni sotto osservazione del ministero della Salute, che ha presentato ieri ai sindacati l’elenco degli esami e delle indagini ad alto rischio di inappropriatezza. Si va dai test genetici alle cure dentali, fino alla Tac per determinati sospetti diagnostici. Tutti “sorvegliati speciali” per dare attuazione alla norma del decreto enti locali 78/2015 che ha previsto sanzioni per i medici “cattivi prescrittori”, quelli che non si atterranno alle indicazioni. Quattro i sottogruppi di prestazioni messi nero su bianco nella bozza di decreto ministeriale, già “vistato” dal Consiglio superiore di sanità, che la ministra Beatrice Lorenzin ha intenzione di inviare al più presto alla Conferenza Stato-Regioni: odontoiatria, radiologia diagnostica, genetica e medicina interna. I medici hanno 24-48 ore di tempo per esprimersi sull’intera documentazione, che include una lista di 208 prestazioni, il parere non vincolante del Consiglio superiore di Sanità, la lista delle prestazioni odontoiatriche e un doppio allegato sulla genetica.

Al più presto la documentazione sarà inviata dal ministero al vaglio della Conferenza Stato-Regioni.

Ma vediamo più nel dettaglio la “lista”. Qualche esempio: la risonanza magnetica agli arti è “ammessa” soltanto a particolari condizioni, descritte nei dettagli.

 L’esame del colesterolo potrà essere ripetuto soltanto ogni cinque anni, salvo improvvisi valori elevati, modifiche dello stile di vita o interventi terapeutici. E ancora: per la fisioterapia , gli esercizi respiratori saranno prescrivibili, dunque resteranno a carico del Servizio sanitario nazionale, solo per pazienti con gravi patologie o in fase preoperatoria.

In caso di mancato rispetto delle indicazioni ministeriali i camici bianchi risponderanno con una sanzione amministrativa che andrà a incidere sul trattamento economico accessorio e correranno il rischio di essere chiamati a rendere conto del proprio operato davanti alla Corte dei Conti. Ma la penalità scatterà indirettamente anche per i cittadini, che dovranno pagare di tasca propria le prestazioni di cui si vedranno rifiutata la prescrizione .

Secca l’opposizione dei sindacati medici, già in stato di agitazione contro i tagli e la razionalizzazione imposti dal decreto, che di fatto ha recepito la manovra da 2,35 miliardi decisa dal Governo con l’accordo (sofferto) delle Regioni. I più battaglieri sono i medici di famiglia, che sono i primi prescrittori e quindi i principali destinatari della stretta. Ma tutte le sigle, dall’Anaao ai confederali, non ci stanno a cedere una quota importante della propria libertà prescrittiva. Senza contare che nella bozza di decreto ministeriale non compaiono né ipotesi di risparmio né la stima degli investimenti necessari per mettere in atto il meccanismo di controllo e verifica delle prescrizioni inappropriate.

Per la ministra Lorenzin, invece, il provvedimento è una delle punte di diamante della strategia dell’Esecutivo che mira a razionalizzare costi ed efficienza del sistema sanitario. Che non ha finito di pagare il suo tributo alla spending review di sanità ed enti locali.: per il 2016 si profila nella legge di stabilità un ulteriore riduzione del Fondo sanitario nazionale.

Hanno 48 ore ai sindacati medici per esprimersi sulle 208 prestazioni

Camici bianchi sulle barricate  dopo l’incontro in cui la ministra Lorenzin ha consegnato la bozza di Dm che imbriglia la libertà prescrittiva nel nome dell’appropriatezza. I medici hanno 24-48 ore di tempo per esprimersi sull’intera documentazione, che nel complesso include una lista di 208 prestazioni, il parere non vincolante del Consiglio superiore di Sanità, la lista delle prestazioni odontoiatriche e un doppio allegato sulla genetica. Al più presto la documentazione sarà inviata dal ministero al vaglio della Conferenza Stato-Regioni.

In larga parte critici i sindacati che hanno partecipato alla riunione, a partire da Silvestro Scotti (Fimmg): «Nel tempo strettissimo in cui ci si richiede di esprimerci inviando una mail all’indirizzo del ministero, ci limiteremo a fare le nostre considerazioni sul mero aspetto scientifico dell’intero pacchetto. Quello, del resto, su cui si è espresso favorevolmente pure se con qualche osservazione il Consiglio superiore di Sanità, che si assumerà la responsabilità delle scelte di erogabilità e appropriatezza che ha validato . Il ministero tace sul nocciolo della questione, che è il tema della responsabilità patrimoniale in capo ai medici che non si attengano all’elenco. Non si considera, poi, che a “rispondere” e a “pagare”, davanti alla Corte dei conti, saranno essenzialmente i medici di medicina generale. E non è giusto». Ma le perplessità espresse dalla Fimmg non si fermano qui: «Quali risparmi si otterranno con queste misure? E quanto costerà scovare i medici “cattivi prescrittori” e sanzionarli? Il medico, per definizione, è un buon prescrittoreNon sarebbe meglio investire in meccanismi educativi e formativi. Questo provvedimento – ha concluso Scotti – rientra nella protesta che stiamo preparando nell’ambito della mobilitazione indetta dalla Federazione degli ordini dei medici Fnomceo?».

Per Massimo Cozza (Fp-Cgil Medici), i sindacati medici «hanno espresso perplessità e contrarietà soprattutto relativamente alla volontà di prevedere una sanzione pecuniaria per i medici che non dovessero rispettare i criteri di appropriatezza che saranno definiti dal decreto ai fini della prescrizione degli esami». Si tratta «di un meccanismo che rischia di rompere il rapporto tra medici e cittadini». Contrarietà, ha detto Cozza, «anche perché i cittadini dovranno pagare di tasca propria varie prestazioni in determinate situazioni». Altre criticità sollevate, ha proseguito, «riguardano poi il fatto che le prestazioni prese in considerazione sono relative ai vecchi Livelli essenziali di assistenza che risalgono al 1996». Dubbi pure in merito ai criteri in base ai quali le Regioni saranno chiamate a garantire un’applicazione omogenea dei nuovi criteri di appropriatezza su tutto il territorio. Durante l’incontro – ha concluso Cozza – la ministra Lorenzin ha comunque assicurato che i nuovi Livelli essenziali di assistenza saranno approvato entro l’anno, mentre con la legge di Stabilità si arriverà ad una normativa sulla colpa medica».

«Il punto debole del decreto ministeriale della Lorenzin – spiega il presidente nazionale di Anaao Assomed Domenico Iscaro – è che mette in moto un meccanismo, quello sanzionatorio rispetto alle prescrizioni cosidette “inappropriate”, che oltre a spaventare il medico e farlo lavorare male, creano un danno al malato che vedendosi negare la Tac o l’esame rinuncerà a curarsi del tutto o andrà nel privato. Così salta il delicato e fondamentale rapporto paziente-medico». E continua: «Abbiamo fatto presente al ministro che nessun medico si sogna di contestare l’appropriatezza ma è il metodo che non accettiamo, ovvero realizzare questo passo con un atto amministrativo». Quindi secondo l’Anaao si «rischia di fare una grande confusione e trasferire sulla spalle dei pazienti più deboli il peso di alcune scelte», conclude.

Contrari alla stessa logica del provvedimento anche i medici dello Smi. La segretaria nazionale Mirella Triozzi è tranchante: «Se la premessa è sbagliata, le conclusioni non possono che essere sbagliate. La lotta all’inappropriatezza deve avere come obiettivo la fonte principale di sprechi, che è la disorganizzazione dei servizi, causa di ricoveri ed esami inutili.

Non ci sottrarremo a fare delle osservazioni al documento consegnato dal ministro Lorenzin oggi, ma la nostra richiesta sarà chiara: no alla “black list” sulle prestazioni, così come sui farmaci, scelte come questa producono conflitti con i pazienti, creano confusione, possibili abusi interpretativi da parte delle aziende sanitarie e delle regioni, quindi un forte contenzioso amministrativo e, spesso giudiziario. I medici devono poter continuare a poter fare il proprio lavoro, liberamente. Senza ricatti, senza essere sotto la minaccia di una ritorsione economica. Al Governo, invece, spetta l’onere di definire l’erogabilità delle prestazioni, deve avere il coraggio di dire la verità, di dire ai cittadini che da domani dovranno pagare ciò che fino ad ora hanno avuto gratuitamente. Così, invece, è un modo ‘ipocrita’ e dissimulato di tagliare servizi».

Il parere del Consiglio superiore di Sanità

Patologie genetica colonna B-citogenetica

L’elenco delle prestazioni soggette a condizioni di erogabilità o indicazioni di appropriatezza prescrittiva

I criteri per l’odontoiatria

Le prestazioni di genetica_medica colonna A

Tratto dal Sole 24 Ore – 23 settembre 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top