Breaking news

Sei in:

Arriva il 730 precompilato. Entrano le spese sanitarie. La dichiarazione a 30 milioni di italiani. Gli sconti medici valgono 14,5 miliardi

La dichiarazione precompilata fa un passo avanti. Aumenta il numero dei possibili fruitori: da 20 a 30 milioni. Ma soprattutto saranno molte di più le informazioni già inserite dal fisco: ci saranno oltre 700 milioni di nuovi dati che, per le sole spese sanitarie, indicheranno da subito un ammontare di oneri detraibili pari a 14,5 miliardi di euro.

Per le spese mediche si tratta di un debutto non proprio completo: mancano i dati dei farmaci da banco che non vengono prescritti, ma in compenso ci saranno anche gli oneri sostenuti per andare all’università, le spese funebri, i dati della previdenza complementare e gli oneri per ristrutturazioni e bonus energia attivati nell’ultimo anno.

Le date

La nuova dichiarazione precompilata sarà a disposizione dei contribuenti a partire dal 15 aprile. Dal 2 maggio sarà poi possibile confermare i dati o integrarli inviandola all’Agenzia delle Entrate, direttamente dal proprio Pc o attraverso un intermediario abilitato o un Caf. Proprio sui centri di assistenza fiscale, tra l’altro, l’autorità garante per la privacy ha annunciato l’avvio di un piano ispettivo per verificare il rispetto del trattamento dei dati e le misure adottate in caso di violazioni delle proprie banche dati.

Spese sanitarie

Le spese mediche rappresentano la novità più importante e la sfida più impegnativa. Sono stati elaborati 520 milioni di dati: 400 milioni dal Ssn, 120 mila dall’uso della tessera sanitaria. Nonostante i molti dati, quindi, i contribuenti faranno bene a verificare gli scontrini che hanno conservato.

I numeri

Quest’anno la precompilata interesserà una platea potenziale di 30 milioni di contribuenti: ai 730 validi per 20 milioni di pensionati e lavoratori dipendenti si aggiungono ora i modelli Unico utilizzati da altri 10 milioni di contribuenti. Un applicativo guiderà il contribuente per orientarlo sul modello più adatto al suo profilo.

L’accesso

Ci sono tante modalità per accedere alla dichiarazione precompilata: il Pin rilasciato dall’Agenzia delle Entrate (che è possibile richiedere on line, negli uffici territoriali, o tramite la app); un percorso semplificato per i possessori di Smart Card/Cns; il Pin Inps che consente l’ingresso dal sito dell’istituto; e lo Spid, il nuovo sistema pubblico di Identità digitale.

I controlli

La dichiarazione potrà essere spedita on line dal 2 maggio: i 730 dovranno essere inviati fino al 7 luglio (per consentire le compensazioni in busta paga), i modelli Unico fino al 30 settembre. Se il 730 precompilato viene accettato direttamente così com’è o modificato tramite un Caf o un professionista abilitato, si chiude la partita con il Fisco. Infatti in quest’ultimo caso i controlli documentali sono effettuati direttamente nei confronti dei Caf e dei professionisti ai quali i cittadini si affidano.

La Stampa – 30 marzo 2016 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top