Breaking news

Sei in:

Asl Sassari. Peste suina africana, nuovo focolaio a Bultei. Sotto controllo 200 aziende del Goceano

1a1a9_peste_suinaDuecento aziende suinicole bloccate, per un totale che supera gli 8000 capi. E’ il bilancio di una nuova recrudescenza della peste suina africana in Goceano. La presenza di un nuovo focolaio nel comune sardo di Bultei e’ stata confermata proprio nei giorni scorsi in un’azienda a conduzione familiare situata in localita’ ‘Pedra e Battile’. L’allevatore – fanno sapere i veterinari dell’Asl di Sassari – al manifestarsi dei primi sintomi ha avvisato il servizio veterinario di Sanita’ animale di via Rizzeddu che e’ prontamente intervenuto. Gli specialisti guidati da Francesco Sgarangella hanno accertato la presenza nell’allevamento di cinque capi, di cui uno morto e uno con sintomatologia riferibile alle pesti, e hanno effettuato tutti i campionamenti necessari a confermare la malattia.

Le analisi effettuate dall’Istituto zooprofilattico della Sardegna hanno avuto esito positivo ed e’ stata convocata l’unita’ di crisi locale per avviare tutte le procedure necessarie a estinguere il focolaio e a definire le zone e gli allevamenti da sottoporre a vincolo sanitario. Gli undici capi presenti nel focolaio sono stati gia’ abbattuti ed e’ stata effettuata la pulizia e disinfezione dell’allevamento. L’area da sottoporre a controllo comprende una ‘zona di protezione’ di 3 chilometri di raggio, all’interno della quale sono presenti 36 aziende suinicole del comune di Anela e Bultei, contenuta a sua volta in una piu’ ampia ‘zona di sorveglianza’ che arriva fino a 10 chilometri. Quest’ultima area, nella quale sono presenti 182 aziende suinicole, comprende oltre al resto dei territori di Bultei e Anela, anche parte dei comuni di Benetutti, Bono, Bottida, Burgos, Nule. Le zone di vincolo sono comunque totalmente comprese nel territorio della Asl di Sassari. All’interno delle zone di vincolo – evidenzia l’Asl di Sassari – e’ vietata la movimentazione degli animali e il servizio veterinario effettuera’ visite cliniche e eventuali campioni di sangue per escludere la diffusione della malattia. Tutti gli allevatori interessati sono stati allertati immediatamente attraverso il ‘sistema Sms Alert’ di cui e’ dotato il servizio veterinario della Asl di Sassari. Il sistema consente, attraverso l’invio di un messaggio telefonico agli allevatori interessati, il blocco della movimentazione degli animali, riducendo il rischio di diffusione della malattia. Severo il commento del direttore del dipartimento di prevenzione e del Servizio di Sanita’ animale Francesco Sgarangella. “Ci risiamo – dice – non facciamo in tempo a estinguere i focolai e revocare le zone di vincolo che si ripresenta una nuova epidemia. E’ ora di adottare misure davvero drastiche, non si puo’ continuare cosi’. Il centro della Sardegna e’ ormai una zona dove il virus e’ endemizzato e le continue incursioni del virus, attraverso movimentazioni non controllate e somministrazione di residui alimentari infetti, stanno creando una situazione insostenibile. Gli sforzi dell’amministrazione regionale e dei Servizi veterinari delle Asl – prosegue Sgarangella – vengono vanificati da comportamenti e consuetudini che non sono compatibili con la situazione di emergenza in cui si trova la nostra isola”. Da qui una serie proposte che consentano anche di non mettere in crisi il sistema economico. “Sarebbe necessario attivare un’anagrafe individuale dei suini – sottolinea il direttore del Servizio di Sanita’ animale – quindi eliminare il pascolo brado e semi brado ad alto rischio. Poi ancora creare un vuoto biologico nelle aree ad altro rischio per almeno cinque anni e consentire corridoi sanitari alle sole aziende che danno garanzia di alta biosicurezza. Ecco allora – conclude – che si potrebbero dare premi a chi alleva secondo le regole e garantisce una filiera del suinetto sicura e, infine, implementare le macellazioni uso famiglia”.

Adnkronos Salute – 4 marzo 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top