Breaking news

Sei in:

Assunzioni congelate negli enti pubblici che pagano le fatture dopo i 90 giorni: ecco le novità del decreto Irpef

ritardo-pagamenti-pa1Il decreto Irpef arriva in Gazzetta ufficiale. Scatta così il bonus di 80 euro al mese per i lavoratori dipendenti con redditi tra gli 8 e i 24 mila euro. Ma dal primo maggio saranno operative anche le maggiori tasse sulle rendite finanziarie, conti correnti bancari e depositi postali compresi, che daranno risorse per la riduzione dell’Irap. Salgono invece a 240 milioni – con un apporto anche della Presidenza del Consiglio – i risparmi per i ministeri, che peseranno soprattutto su Difesa. La novità, emersa dalla versione integrale, è un’accelerazione sul fronte dei rimborsi dei debiti dello Stato. Le risorse sono state aumentate di 9,6 miliardi, che si aggiungono ai 47 già stanziati. Lo spazio finanziario per interventi di pagamento, senza impatto sul deficit, sarebbe di 13 miliardi.

Inoltre, non sarà consentita nessuna assunzione, nemmeno per co.co.co o tramite contratti di servizio, per le amministrazioni pubbliche che registreranno, nei pagamenti delle fatture, tempi superiori ai 90 giorni nel 2014 e 60 nel 2015. Le amministrazioni saranno tenute ad avere un «registro unico delle fatture». Sarà un obbligo ed entro 10 giorni dal ricevimenti vi andranno «le fatture o le richieste equivalenti di pagamento» per somministrazioni, forniture, appalti e prestazioni professionali».

Questo nuovo adempimento – si legge nel testo del decreto – è «parte integrante del sistema informativo contabile» delle amministrazioni

Ecco alcune delle altre misure.

IL BONUS 2014 

Riguarda i soli lavoratori dipendenti e sarà di 640 euro, 80 al mese fino a dicembre, per i contribuenti con reddito fino a 24.000 euro. Esclusi gli incapienti (chi non paga Irpef perché le detrazioni superano il dovuto) e i redditi sopra i 26.000 euro. Il bonus, invece, tra 24.000 a 26.000 euro decresce fino a zero. Arriverà nella busta paga di maggio. Vale nel complesso 6,6 mld ma 830 milioni arrivano nel 2015.

AL 26% TASSA RENDITE E CONTI CORRENTI 

Scatta dal primo luglio l’aumento dal 20% al 26% dell’aliquota sulle rendite finanziarie che interesserà anche i dividendi staccati successivamente, le plusvalenze di azioni e fondi, nonché interessi su conti correnti e depositi postali. L’aumento non tocca i titoli di Stato, come Bot e Btp.

IRAP: QUEST’ANNO TAGLIO A METÀ 

Non vale poco: 3,7 miliardi in due anni. L’aliquota principale dell’Irap passerà dal 3,9% al 3,5% nel 2015 mentre per quest’anno è previsto un taglio a metà, un’aliquota intermedia del 3,75%. Calano anche le altre aliquote previste per banche e agricoltura: dal 4,2 al 3,8% del 2015, dal 5,9 al 5,3%, dall’1,9 all’1,7%. Anche per loro taglio dimezzato quest’anno.

 TAGLI A MINISTERI: ANCHE A P.CHIGI 

I tagli ai ministeri salgono da 200 a 240 milioni, con la partecipazione anche della presidenza del Consiglio. I «risparmi» per gli acquisti di beni e servizi arriveranno soprattutto dalla difesa: 75,3 milioni già quest’anno che saliranno a 112,8 milioni nel 2015 Salvaguardate le scuole.

TASSA BANCHE A GIUGNO, FORMULA ANTI RICORSI 

L’imposta sulla rivalutazione delle quote della Banca d’Italia in mano agli istituti di credito, aumentata al 26%, si pagherà a giugno, con il saldo delle tasse sui redditi 2013. La norma è costruita per evitare ricorsi, facendo riferimento al periodo d’imposta in corso all’entrata in vigore del decreto.

DA TETTO DIRIGENTI A RAI 

Viene confermato a 240.000 euro il tetto per i dirigenti (vale 40 milioni) e i manager pubblici. Prevista forbiciata delle società di gestione dei servizi degli enti locali e una riorganizzazione dei centri di acquisto pubblici. Dalla Rai un «contributo’ di 150 milioni, con cessione di società o riorganizzazione delle sedi.

LOTTA ALL’EVASIONE 

Il governo punta a incassare 15 miliardi dalla lotta all’evasione nel 2015, 2 miliardi più del previsto. A termine del Cdm le slide del governo ipotizzavano 3 miliardi di incassi.

Repubblica – 25 aprile 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top