Breaking news

Sei in:

Balduzzi: qualità del Ssn è elevata e riconosciuta nel mondo

«Oggi viviamo un momento di preoccupazione generale, ma dobbiamo essere orgogliosi di quei comparti che il resto del mondo osserva con attenzione e rispetto, come quello della sanità»

Il Ministro della Salute Renato Balduzzi, è intervenuto al Convegno “Le nuove sfide del Sistema Sanitario Nazionale” che si è svolto presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica. «Un’occasione come questa è per me importante per ascoltare più che per parlare, perché l’illustrazione dettagliata nel rispetto delle linee programmatiche della sanità, secondo quanto concordato in Consiglio dei Ministri avverrà dopo il confronto all’interno del Governo e con le Commissioni parlamentari. Voglio però in questa sede sottolineare degli aspetti per me particolarmente importanti: il primo è la vitalità e la validità del nostro modello sanitario nazionale, di cui il mondo della sanità italiana, in tutte le sue componenti, deve essere fiero. Certo, oggi viviamo un momento di preoccupazione generale, ma dobbiamo essere orgogliosi di quei comparti che il resto del mondo osserva con attenzione e rispetto, come quello della sanità. Questo non significa che non ci siano delle problematiche da affrontare, ma è compito di chiunque abbia responsabilità nell’organizzazione della sanità italiana cercare di risolverle ed in tal senso vi è il mio pieno impegno. Fortunatamente possiamo contare su una base solida perché la qualità del Servizio sanitario nazionale è sicuramente elevata e riconosciuta in tutto il mondo.

Il secondo aspetto che voglio sottolineare è la necessità che in tutte le organizzazioni sanitarie vi siano momenti di produzione di strumenti di conoscenza, di informazione, di cultura e condivisione dei contenuti. Sono, infatti, convinto che affinché le organizzazioni possano svolgere al meglio il loro ruolo sia necessario lavorare in rete condividendo le proprie competenze in modo che si evitino situazioni da “cattedrali nel deserto”. Mettere a disposizione degli altri la propria esperienza in modo trasparente ritengo sia uno dei principi fondamentali su cui si debba basare il sistema”.

Concludendo il suo intervento il Ministro Balduzzi ha poi aggiunto: “Noi siamo qui, per il tempo che ci è dato, per dare una mano per trovare soluzioni condivise su questioni complesse, che non sono solo quelle bioetiche dove l’approccio unitivo è evidente e dove, invece, la strada dell’approccio divisivo non porta a niente. Quale sarà il nostro impegno? C’è un disegno contenuto già in una nota del CNL (Comitato Nazionale di Liberazione) Alta Italia dove si disegna per la prima volta l’idea di un sistema sanitario nazionale. Il modello italiano di oggi era già lì contenuto: non pletorico e accentratore ma di stimolo e persuasione. Era l’estate del 1945 quando sono state scritte queste cose e già si anticipavano le scelte fatte molti anni dopo e configurate nel 2001 sull’articolazione decentrata dei Servizi sanitari».

23 novembre 2011

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top