Breaking news

Sei in:

Benessere animale durante il trasporto, relazione conclusiva Commissione Anit: mancato rispetto sistematico delle norme. Il 20 gennaio il voto del Parlamento Ue

Il regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio ha avuto un impatto positivo sul benessere degli animali durante il trasporto dopo la sua entrata in vigore; tuttavia, la sua attuazione non è ancora armonizzata in tutta l’UE. Per esaminare la sua applicazione negli Stati membri e da parte della Commissione europea, e a seguito di una risoluzione che chiedeva norme più rigorose, nel giugno 2020 il Parlamento europeo ha istituito una commissione d’inchiesta sulla protezione degli animali durante il trasporto (ANIT), che ha portato alla stesura di una relazione conclusiva e di raccomandazioni  Il dibattito finale sulla relazione e la votazione sul progetto di raccomandazione sono previsti per la sessione plenaria del 20 gennaio 2022 del Parlamento europeo.

In vista di questa votazione finale, il Parlamento europeo ha pubblicato un’intervista alla presidente della commissione, Tilly Metz, membro dei Verdi/ALE del Lussemburgo, che riassume le conclusioni raggiunte.

Trasporto animale: rivelati fallimenti sistematici

La mancata applicazione delle norme sul trasporto degli animali rappresenta un rischio per il benessere degli animali ed è ingiusto nei confronti degli allevatori“, membro dei Verdi/ALE del Lussemburgo, afferma Tilly Metz. “È importante garantire lo stesso livello di protezione degli animali durante l’intero viaggio, così come è essenziale che trasportatori e conducenti dispongano di un unico insieme di regole da rispettare per il trasporto transfrontaliero”.

Come intende il Parlamento migliorare le condizioni di trasporto degli animali?

Il comitato ha riscontrato il mancato rispetto sistematico delle norme esistenti sulla protezione degli animali durante il trasporto e ha formulato raccomandazioni per la revisione delle norme, prevista per il 2023.

Il comitato ha chiesto una riduzione della durata dei viaggi, in particolare a otto ore per la macellazione e a quattro ore per gli animali a fine carriera, nonché una migliore protezione degli animali giovani e di quelli gravidi. Invece di una soglia di 10 giorni, gli animali non svezzati non dovrebbero essere trasportati prima delle cinque settimane, mentre il limite per gli animali gravidi dovrebbe essere di due terzi della gravidanza (attualmente 90%).

Quando si tratta di trasporti al di fuori dell’UE, il comitato chiede che le esportazioni di animali vivi siano limitate ai paesi che garantiscono e rispettano standard equivalenti in materia di benessere degli animali.

Assicurarsi che i consumatori dell’UE dispongano di informazioni accurate sui prodotti animali che acquistano è un altro compito importante, poiché consente loro di optare per i più elevati standard di benessere degli animali“, ha affermato Metz

Quali politiche dell’UE in materia di trasporto degli animali devono cambiare?

L’UE deve migliorare e integrare la sua legislazione sul benessere degli animali per garantire che ogni animale goda dello stesso livello di protezione, indipendentemente da dove è nato, allevato o macellato“, ha affermato Metz.

Servono regole, controlli e sistemi sanzionatori più armonizzati“, ha aggiunto Metz, sottolineando che è compito dell’UE “garantire condizioni di parità per allevatori e trasportatori“. La relazione raccomanda la centralizzazione a livello dell’UE di alcuni aspetti cruciali, come la definizione di criteri per l’omologazione di veicoli e navi. Gli allevatori ricevono sostegno attraverso la politica agricola comune, ma secondo Metz hanno bisogno di “soluzioni concrete” per migliorare il benessere degli animali.

Il Presedente della Commissione ANIT suggerisce la necessità di nuovi strumenti politici per supportare “piccole strutture locali e soluzioni mobili per la macellazione in azienda“, che potrebbero aiutare a ridurre il numero di viaggi stressanti verso la macellazione.

Anche le esportazioni di animali vivi verso paesi non UE richiedono regole armonizzate poiché gli animali di alcuni Stati membri vengono trasportati oltre i confini dell’UE e “nell’attuale sistema è molto difficile far rispettare” gli standard di benessere.

In che modo questo sarebbe vantaggioso per le persone e gli allevatori?

Secondo Metz, la commissione “non avrebbe mai visto la luce se non fosse stato per le incessanti pressioni della società civile e dei cittadini preoccupati, che sono stufi di sentir parlare nei telegiornali del trasporto di animali”. Per Metz, “E’ molto chiaro che la grande maggioranza dei cittadini desidera un rapido miglioramento della situazione“.

Iniziative dei cittadini, come End the Cage Age, hanno avuto un impatto sul lavoro del comitato. “Queste richieste dei cittadini sono state prese in considerazione nel miglior modo possibile“, anche se Metz ammette che “c’è ancora margine di miglioramento per quanto riguarda le raccomandazioni“.

Metz ritiene che “per molti cittadini, la motivazione principale nel chiedere regole più severe e più sanzioni è una preoccupazione etica: il desiderio di vedere evitata, o almeno ridotta, la sofferenza degli animali. Quindi, per loro, qualsiasi miglioramento sarebbe di per sé un vantaggio, oltre alla riduzione dei rischi per la salute pubblica e delle preoccupazioni ambientali”.

Il rapporto non riguarda solo i cittadini, poiché anche gli allevatori beneficerebbero di un sistema più equo e trasparente che “ricompenserebbe i sistemi ad alto benessere degli animali con un generoso sostegno pubblico”.

Molti allevatori deplorano la mancanza di trasparenza e di controllo che incontrano nel sistema attuale; la maggior parte di loro si prende cura degli animali allevati o nati nella loro azienda, ma spesso non sa quale destino li attende dopo averli venduti”.

Fonte: Parlamento europeo

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top