Breaking news

Sei in:

Calabria: Scopelliti a Gelmini, garantire sopravvivenza Veterinaria

(ASCA) – Catanzaro, 13 aprile – Il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, ha inviato una lettera al Ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, per chiedere l’adozione di ogni iniziativa che possa garantire la sopravvivenza del Corso di laurea in Medicina Veterinaria all’Universita’ degli Studi Magna Grecia di Catanzaro.

”La crescita di una Regione – ha scritto il Presidente Scopelliti – si fonda, tra le altre cose, sulla capacita’ di formare una classe di professionisti con profonde conoscenze teorico-pratiche, legate al territorio. Sono, pertanto, particolarmente preoccupato per la decisione del Ministero dell’Universita’ di azzerare le immatricolazioni al Corso di Laurea in Medicina Veterinaria di Catanzaro. Mi e’ noto che, per garantire l’efficacia dei corsi, le Universita’ devono avere requisiti minimi di docenza che ritengo giusti e necessari ma, nel contempo, occorre considerare l’impossibilita’ per atenei virtuosi, come l’Universita’ di Studi della Magna Grecia di Catanzaro, di colmare con fondi propri i vuoti di docenza su corsi di nuova istituzione”.

”Il Ministero per la sua programmazione annuale di laureati in Medicina Veterinaria, utilizza i dati forniti dagli appositi Uffici regionali che raccolgono i fabbisogni delle Aziende Sanitarie Provinciali. Inoltre, vengono considerati i dati forniti dalle associazioni di categoria relativi agli operatori della salute degli animali da compagnia. Cosi’ facendo non si riesce ad intercettare la richiesta di competenze che proviene da settori strategici per il Paese, vale a dire la salute degli animali da reddito e la sicurezza delle produzione che da queste derivano.Temo che questa stretta delle immatricolazioni per i corsi di laurea in Medicina Veterinaria potrebbe, in breve futuro, creare la stessa urgenza di laureati come e’ avvenuto per la Medicina umana. In particolare, nella Regione Calabria il comparto agroalimentare rappresenta buona parte dell’economia e la figura di un Medico Veterinario libero professionista di reale ausilio alla piccole e medie imprese del settore agro-zootecnico e dell’industria agroalimentare (caseifici, salumifici, preparazione di prodotti carnei, ecc.) diventa determinante”.

”E’, pertanto, necessario puntare sulla formazione universitaria di professionisti che sappiano agire in sinergia con i Medici Veterinari della Aziende Sanitarie territoriali per coniugare al meglio la necessita’ di una buona azione di prevenzione e controllo sulla sicurezza alimentare a maggiore tutela della salute pubblica e un efficiente quanto efficace sviluppo ed ammodernamento dei cicli produttivi legati alla zootecnia e alle produzioni derivate. Tale ammodernamento si tradurrebbe sicuramente nel rafforzamento delle imprese calabresi sul mercato e costituirebbe la base per un sano sviluppo economico e sociale della Regione che mi onoro di rappresentare, mentre sottovalutare o trascurare questi aspetti rappresenterebbe un rischio che non possiamo accettare”.

”La presenza del Corso di laurea in Medicina Veterinaria, per il suo elevato valore culturale ed il suo impatto sui cicli economico-produttivi del comparto agro-zootecnico – conclude Scopelliti – e’ una risorsa che la Calabria non puo’ assolutamente perdere.

Pertanto, mi permetto di chiederti di valutare eventuali misure per garantire la sopravvivenza di questo Corso di laurea presso l’universita’ degli Studi Magna Grecia di Catanzaro”.

 

 

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top