Breaking news

Sei in:

Casi umani di influenza aviaria, il Ministero raccomanda la vaccinazione del personale esposto. In corso studi dell’Iss

aviaria vaccinazioneNel corso della stagione influenzale 2013-2014 sono stati descritti casi di congiuntivite o di sindromi respiratorie più o meno severe nell’uomo, causate da ceppi del vuris dell’aviaria appartenenti al sottotipo A(H7N7). Per meglio comprendere l’epidemiologia e la diffusione del virus tra i lavoratori esposti, è in corso uno studio di siero-epidemiologia, coordinato dal Cnesps e dal Nic dell’Iss, in collaborazione con le strutture sanitarie dell’Emilia Romagna, nel cui terriorio dove si sono verificati i casi. Lo riferisce la circolare che contiene le raccomandazioni del Ministero della Salute per la stagione infuenzale 2014 e 2015. Il documento ricorda che i virus dell’influenza aviaria di norma non infettano l’uomo. Tuttavia, sono stati descritti casi di congiuntivite o di sindromi respiratorie più o meno severe nell’uomo, causate da ceppi appartenenti a questo sottotipo.

Nell’estare del 2013, si è verificato in Italia, nella Regione Emilia-Romagna, un episodio epidemico di influenza aviaria causata da un virus A(H7N7) ad alta patogenicità, che ha interessato diversi allevamenti avicoli localizzati in provincia di Ferrara (Ostellato, Portomaggiore, Bondeno) e di Bologna (Mordano). Circa un milione di capi di pollame sono stati abbattuti, al fine di contenere la diffusione dell’infezione.

Tra i lavoratori professionalmente esposti all’infezione, sono stati identificati tre casi di malattia lieve (congiuntivite, in un solo caso accompagnata da febbre e brividi). I campioni clinici dei tre soggetti sono risultati positivi al virus A(H7) presso il laboratorio CRREM del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, e confermati presso il laboratorio Nazionale di riferimento del NIC-ISS.

Per meglio comprendere l’epidemiologia e la diffusione del virus tra i lavoratori esposti, è in corso uno studio di siero-epidemiologia. L’episodio epidemico di influenza aviaria da virus A/H7N7 ribadisce l’importanza di praticare la vaccinazione al personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani.

A cura Ufficio stampa  Sivemp Veneto – 12 settembre 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top