Breaking news

Sei in:

Che fregatura questi Lea: il De Profundis del servizio universale. Oggi la medicina è troppo complessa e i soldi troppo pochi perché questa lista della spesa possa funzionare. Bisogna ripensare tutto

Daniela Minerva. Ci siamo, forse. Dopo due anni di vuoto, i Lea, lo schema delle prestazioni sanitarie a cui gli italiani hanno diritto senza se e senza ma, ovunque, sembrano pronti. E si comincerà a vedere il nuovo volto del Ssn. Ad esempio, c’è un nuovo Piano vaccinale, molto utile, c’è la gratuità della fecondazione assistita in toto, discutibile, ci sono i pezzi di ricambio (dagli stent alle protesi) hi-tech, ostacolati al massimo (tanto ci sono i vecchi!). Dettagli a parte, la fregatura è chiara. Per 3 ragioni.

I cittadini dovranno pagarsi da sé un bel po’ di prestazioni innovative, e quindi migliori per la loro salute. La bagarre sull’articolo 16 che decide le regole della prescrizione di test diagnostici e terapie: il ministero, che mette nero su bianco in quali casi e in che modo i dottori possono prescrivere, e i medici che vogliono poter decidere senza lacci. Infine, la dichiarazione che una regione può non dispensare questo o quel farmaco sul suo territorio. Il De Profundis del servizio universale. Con la certezza che la medicina è diventata troppo complessa e i soldi sono troppo pochi perché uno strumento come questa lista della spesa possa funzionare. Bisogna ripensare tutto, con un po’ di coraggio.

Repubblica – 12 luglio 2016 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top