Breaking news

Sei in:

Rinnovi contrattuali, dalle Regioni la roadmap su tempi e risorse. Impegno sulla dirigenza: «Siamo al lavoro, procediamo con rapidità»

«Oggi abbiamo trasmesso l’Atto d’indirizzo sul comparto. Tra lunedì e mercoledì trasmetteremo quelli su dirigenza e medicina convenzionata». Il coordinatore del Comitato di settore-Sanità, Massimo Garavaglia, traccia una roadmap per il rinnovo dei contratti, sulla base delle risorse presenti e future. Le Regioni hanno infatti condiviso la necessità di procedere con rapidità anche per il contratto della dirigenza medica, già convocata dall’Aran per il prossimo 20 febbraio

Dopo i ministeri, dopo la scuola, dopo le forze dell’ordine, anche il rinnovo del contratto del personale della sanità è a portata di mano. Ieri le Regioni, che sono i datori di lavoro di medici e infermieri, hanno deliberato un’integrazione all’atto di indirizzo all’Aran, l’agenzia che tratta con i sindacati il rinnovo, nel quale sono indicate le risorse che permetteranno anche al comparto della sanità aumenti salariali del 3,48%, con una media di 85 euro lordi mensili, per tutti i 531 mila dipendenti del settore. I governatori, ha spiegato Massimo Garavaglia, presidente del Comitato di settore Regioni-sanità, hanno fatto «un sacrificio mettendoci risorse aggiuntive».

Garavaglia ha spiegato che, oltre agli 800 milioni di cui già disponevano, sono stati trovati altri «360 milioni di euro per il 2018». Poi, ha aggiunto, «nel 2019 c’è il miliardo in più previsto dall’aumento del fondo sanitario nazionale». Un plauso ai fondi per il rinnovo del contratto è arrivato dai sindacati. «Esprimiamo apprezzamento per l’uscita dell’atto di indirizzo integrativo da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome che, a questo punto, completa il quadro delle risorse necessarie per poter proseguire nella trattativa e giungere al rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro degli operatori della Sanità pubblica», hanno dichiarato in una nota congiunta, i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli e Michelangelo Librandi, parlando di una «buona notizia per i lavoratori».

Anche la ministra della Funzione pubblica, Marianna Madia, è intervenuta. «Con l’atto di indirizzo delle Regioni sulla sanità», ha twittato, «ci sono tutte le condizioni per arrivare a breve alla firma del nuovo contratto anche per le lavoratici e i lavoratori della sanità». Ma l’invio dell’atto integrativo per il rinnovo del contratto del comparto sanità è solo il primo atto.

Le regioni: procedere con rapidità anche per il contratto della dirigenza medica

Le Regioni hanno infatti condiviso la necessità di procedere con rapidità anche per il contratto della dirigenza medica, già convocata dall’Aran per il prossimo 20 febbraio nella speranza di scongiurare lo sciopero dichiarato per il 23 che, per adesso, rimane confermato in attesa di vedere quale piega prenderà l’incontro con la controparte datoriale.

“L’invio dell’atto integrativo per il rinnovo del contratto del comparto sanità è solo il primo atto. Le Regioni hanno infatti condiviso la necessità di procedere con rapidità anche per il contratto della dirigenza medica, sanitaria, veterinaria e delle professioni sanitarie”.

Lo si legge in una nota diffusa ieri pomeriggio dalle Regioni che sottolinea come il Comitato di settore procederà già la prossima settimana ad approvare l’atto integrativo, quasi in contemporanea con l’apertura del Tavolo contrattuale previsto per il 20 febbraio prossimo.

“Continueremo a lavorare nelle prossime ore con senso di responsabilità – ha detto Massimo Garavaglia, presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità sebbene non siano state previste risorse aggiuntive sul Fondo Sanitario Nazionale – per l’aggiornamento del quadro finanziario per il rinnovo contrattuale dei livelli del comparto sanità, naturalmente tenendo nel dovuto conto quanto stabilito dalla Legge di Bilancio”.

“L’auspicio – ha rassicurato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini – è che anche per questi lavoratori ci auspichiamo che possa concludersi in tempi rapidi il contratto e per questo chiederemo al Governo e all’Aran di procedere rapidamente, calendarizzando un programma di incontri”.

16 febbraio 2018

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top