Breaking news

Sei in:

Dalla Regione le modalità di finanziamento dei Piani per il recupero delle prestazioni sanitarie sospese per l’esercizio 2021 e il riparto massimo delle risorse, la Dgr pubblicata sul Bur

Con la deliberazione della giunta regionale n. 1293 del 21 settembre 2021, pubblicata sul Bur di oggi, primo ottobre, sono armonizzate e rideterminate le modalità di finanziamento per l’esercizio 2021 dei Piani per il recupero delle prestazioni sospese, formulati dalle Aziende ed Enti del SSR veneto secondo i principi ed i criteri di cui alla DGR 759/2021.

La delibera stabilisce che le aziende del SSR possano provvedere al recupero delle liste di attesa di cui alla DGR 759/2021 secondo le modalità ed i limiti riportati in premessa e comunque attraverso i seguenti strumenti:

  • prestazioni aggiuntive di cui all’articolo 115, comma 2, del  CCNL  2016-2018  della  dirigenza   dell’Area Sanità,  per  le  quali  la  tariffa   oraria   fissata dall’articolo  24,  comma  6,  del  medesimo  CCNL,  e’ aumentata, ai sensi dell’articolo 29 del D.L. 14 agosto 2020, n. 104 convertito dalla Legge 13 ottobre 2020, n. 126 e dell’articolo 26 del D.L. 25 maggio 2021, n. 73, convertito dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, con esclusione dei servizi di  guardia, da 60 euro a 80 euro lordi  omnicomprensivi,  al  netto  degli  oneri riflessi a carico dell’Amministrazione, ovvero alle prestazioni aggiuntive di cui  all’articolo  6, comma 1, lettera d), del CCNL 2016-2018 del  personale  del  Comparto Sanita’ con  un  aumento della tariffa oraria a 50 euro lordi omnicomprensivi, al netto  degli oneri  riflessi  a  carico  dell’Amministrazione.
  • convenzioni di consulenza con altre Aziende ed Enti del SSR, ai sensi dell’articolo 117, comma 2, lett. a) del CCNL dell’Area Sanità del 19 dicembre 2019;
  • ricorso prestazioni da privato accreditato

La delibera autorizza le Aziende ed Enti del SSR a provvedere al recupero delle prestazioni sospese mediante gli interventi indicati, utilizzando le risorse disponibili dei decreti emergenziali per un importo massimo pari a euro 41.058.093 per il secondo semestre 2021. E approva il riparto massimo delle risorse tra le Aziende ed Enti del SSR, come da Allegato A, parte integrante e sostanziale del provvedimento

Dgr_1293_21_AllegatoA_458532.pdf

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top