Breaking news

Sei in:

Zonin: se tutti lavoratori regalassero un’ora lavoro risparmio 10%

Lavorare di più; rendere più flessibile l’orario di lavoro; aumentare il tasso di occupazione, utilizzando una gamma di misure possibili, come la defiscalizzazione degli oneri sociali per le aziende che assumono giovani laureati.

Il tema della produttività sollevato dal governo, e sollecitato da parte di Mario Monti come argomento di confronto tra le parti sociali, è una delle chiavi di volta per il recupero dell’economia italiana. Ne sono convinti gli imprenditori, a prescindere dal settore in cui lavorano. Una maggiore produttività del lavoro, che vada a vantaggio della competitività delle imprese e quindi di tutto il paese è fondamentare per crescere, aumentare la presenza sui mercati esteri e creare occupazione. Secondo Gianni Zonin, presidente della Banca Popolare di Vicenza e dell’omonina casa di vini, la strada è poter lavorare di più. E lancia un’idea: «oggi, con le regole che ci sono, non è possibile per i lavoratori regalare un’ora di lavoro all’azienda. Se tutti lo fecessero per un anno si avrebbe una riduzione del più del 10% del costo del lavoro», dice Zonin. «Ci lamentiamo per la poca crescita, per la disoccupazione: questa idea darebbe un forte segnale di volontà di reazione, dimostrando la volontà di tutti di uscire da questa situazione». Anche per Paolo Bertoluzzo, ad di Vodafone Italia e Sud Africa, la sfida della produttività è fondamentale «se vogliamo rimanere agganciati a paesi come la Germania e gli Stati Uniti, che sono cresciuti e hanno fatto della produttività e della competitività fattori distintivi della crescita». Temi che sono certamente agganciati al merito: «merito e competitività sono due facce della stessa medaglia», continua l’ad di Vodafone Italia, che insiste anche sulla flessibilità. «Bisogna puntare sulla contrattazione decentrata, dove possono essere affrontati i temi dell’organizzazione aziendale, al fine di una maggiore produttività». E a medio termine puntare a ridurre le tasse di imprese e lavoratori. Anche per Massimo Brunelli, ad di Idea Fimit, fondo immobiliare che gestisce 11 miliardi di immobili, la produttività è un fattore fondamentale per la crescita. Bisogna agire su una maggiore flessibilità dell’orario di lavoro, aumentare la capacità di far fronte ai picchi di lavoro, avere una maggiore disponibilità di lavoro a tempo determinato. Inoltre secondo Brunelli va aumentato il tasso di occupazione, specie delle donne. «Occorre creare politiche virtuose per raggiungere questo obiettivo», continua Brunelli. A suo parere occorrerebbero politiche selettive per esempio defiscalizzare gli oneri sociali per le imprese che assumonono giovani laureati, che ancora scarseggiano nelle imprese italiane.

ilsole24ore.com – 9 settembre 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top