Sei in:

Decreto lavoro, perché i bonus assunzioni saranno un flop: i numeri

I numeri ufficiali non esaltano il decreto lavoro varato dal governo Letta: moltissimi giovani restano inattivi

Mercoledì il governo ha varato il piano per incentivare l’occupazione dei giovani, pari a un miliardo e mezzo di euro per i prossimi tre anni. Tanti gli articoli che distribuiscono questi fondi lungo le varie novità introdotte, ma di certo quella più di rilievo è la previsione degli sgravi alle assunzioni a tempo indeterminato.

Come noto, sono tre le condizioni per accedere all’agevolazione: arrivare da almeno sei mesi di disoccupazione, vivere solo con un famigliare a carico oppure non essere in possesso del diploma di scuola superiore. I bonus sono destinati a lavoratori tra i 18 e i 29 anni e possono essere allargati anche agli over 50 che abbiano maturato almeno un anno di disoccupazione.

Nel complesso, il tetto massimo agli sgravi per le assunzioni a tempo indeterminato è di 650 euro al mese per un anno e mezzo, che scende a 12 mesi nel caso la risorsa fosse già inclusa in azienda con un contratto a termine.

Fin qui, le previsioni di legge. Ma chi sono i reali beneficiari di queste misure introdotte con il decreto approvato mercoledì al Consiglio dei ministri? E soprattutto, qual è la platea effettiva dei destinatari?

Le statistiche ufficiali parlano di un tasso di disoccupazione giovanile pari a quasi il 40%, e il ministro del Lavoro Giovannini ha promosso il decreto neonato spiegando che i correttivi alla riforma Fornero potranno abbassare il calcolo di almeno il 2%. Addirittura, il premier Enrico Letta ha voluto azzardare, spingendosi a dare una quota di nuovi assunti che, a suo parere, potranno toccare la cifra dei 200mila grazie al nuovo provvedimento.

In realtà, le modifiche introdotte sembrano toccare solo marginalmente i potenziali interessati, cioè quei giovani che, prima dei 30 anni, si trovano in stato di non occupazione, il che, è bene chiarirlo, non fa coincidere inattività e disoccupazione tout court. Le stime dell’istituto di statistica nazionale, infatti, parlano di circa 4 milioni e 300mila giovani che, tra i 18 e i 29 anni, presentano almeno uno dei 3 requisiti necessari per accedere al bonus assunzioni.

Di questi, però, soltanto 800mila possono essere definiti “disoccupati”, mentre sono oltre 3 milioni  e mezzo quelli “inattivi”, che, cioè, non lavorano e non cercano di trovare un posto.

Il calcolo conclusivo, allora, se si considera che sono poco meno di 800 i milioni destinati a queste agevolazioni per i contratti a tempo indeterminato,di cui 300 al Centro-nord e 500 al Sud, arrivano a coprire una popolazione di 67mila situazioni risolte – nell’eventualità che tutti accedano al massimo dell’incentivo – che può via via incrementare qualora vengano richiesti sgravi inferiori al tetto previsto.

La cifra è coerente con quanto auspicato dal ministro Giovannini – già presidente della stessa Istat – ma è evidente come il provvedimento inaugurato dal governo vada letto come una goccia nell’oceano della disoccupazione giovanile, dove molti giovani restano comunque inattivi.

LeggiOggi – 29 giugno 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top