Breaking news

Sei in:

Decreto Rilancio. La Ragioneria “bollina” il provvedimento e Mattarella firma l’invio alle Camere. Ecco il testo definitivo per la Gazzetta

Dopo l’approvazione in Cdm il 13 maggio scorso arriva finalmente al passaggio finale il decreto legge da 155 miliardi per il rilancio dell’economia con forti misure di sostegno a imprese, lavoratori e famiglie e con un pacchetto da 3,250 miliardi per la sanità. Interventi previsti per la medicina territoriale, l’ospedale e il personale sanitario. ECCO IL TESTO BOLLINATO.

Il decreto “Rilancio” (Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19) è stato firmato questa sera dal Capo dello Stato e sarà pubblicato questa sera in Gazzetta Ufficiale. A quasi una settimana dall’approvazione in Consiglio dei ministri (avvenuta lo scorso 13 maggio) il testo del maxi provvedimento da 155 miliardi di euro è stato bollinato oggi pomeriggio dalla Ragioneria dello Stato che ha ripassato al setaccio le centinaia di norme previste per verificarne la copertura.

Per la sanità il pacchetto di misure è consistente: 
in particolare si dispongono il potenziamento e la riorganizzazione della rete ospedaliera, di quella assistenziale e dell’attività di sorveglianza attiva. Sono stanziati complessivamente, per il solo 2020, oltre 3 miliardi e 250 milioni di euro.

Si rende stabile l’incremento di 3.500 posti letto in terapia intensiva stabilito per far fronte all’emergenza, e si stabilisce la riqualificazione di 4.225 posti letto di area semi-intensiva, che saranno fruibili sia in regime ordinario, sia in regime di trattamento infettivologico ad alta intensità di cure e il 50 per cento dei quali dovrà essere immediatamente convertibile in posti letti di terapia intensiva.

Si consoliderà la separazione dei percorsi per i pazienti sospetti COVID-19 o potenzialmente contagiosi, rendendola strutturale e assicurando la ristrutturazione dei Pronto Soccorso con l’individuazione di distinte aree di permanenza, in attesa di diagnosi.

Saranno implementati i mezzi di trasporto dedicati ai trasferimenti secondari per i pazienti COVID-19, per le dimissioni protette e per i trasporti interospedalieri per pazienti non affetti da COVID-19.

Fino al 31 dicembre 2020, saranno resi disponibili 300 posti letto di terapia intensiva, suddivisi in 4 strutture movimentabili, ciascuna delle quali dotata di 75 posti letto, da allocare in aree attrezzabili preventivamente individuate da parte di ciascuna regione e provincia autonoma.

Per il 2020, le regioni e le province autonome possono incrementare i fondi della contrattazione integrativa per riconoscere, al personale sanitario dipendente delle aziende e degli enti del Servizio sanitario nazionale direttamente impiegato nell’emergenza epidemiologica, un premio commisurato al servizio effettivamente prestato nel corso dello stato di emergenza.

Dal 2020 al 2024, si incrementano di quasi 100 milioni di euro le borse di studio degli specializzandi di medicina.

Si velocizzano e snelliscono le procedure per l’adozione, su tutto il territorio nazionale, del Fascicolo sanitario elettronico, che viene ulteriormente potenziato.

Si incrementa di 1,5 miliardi di euro, per il 2020, il Fondo per le emergenze nazionali (FEN), destinandone 1 miliardo all’ulteriore finanziamento degli interventi di competenza del commissario straordinario per l’emergenza sanitaria da COVID-19.

Si stanziano infine risorse per il potenziamento del sistema sanitario militare e per il pagamento degli straordinari delle forze armate e delle forze di polizia.

Fonte Quotidiano Sanità

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top