Breaking news

Sei in:

Dipendenti pubblici, uno su dieci usufruisce dei permessi della legge 104. I dati del 2013 sono stati resi noti dalla Funzione pubblica

Oltre 6,2 milioni di giornate di lavoro. Più di 316 mila dipendenti pubblici hanno usufruito dei permessi della legge 104, quella che permette di assentari dal lavoro per assistere familiari disabili. In pratica uno statale su dieci ha sfruttato i benefici della norma. Delle 6,2 milioni di giornate di permesso utilizzate, ben 5,8 milioni sono servite ad assistere familiari. Solo 400 mila giornate sono state perse perché il disabile che necessitava del permesso era il lavoratore stesso.

I dati, relativi al 2013, quando i dipendenti pubblici erano ancora circa 3,2 milioni, sono stati resi noti dal ministero della Funzione Pubblica. Per adesso le cifre sono quelle basate sulle informazioni fornite dalle amministrazioni che hanno aderito alla rilevazione, il 64% del totale degli enti iscritti al sistema per il monitoraggio. Una rilevazione che alle spalle ha una banca dati, nata a fine 2010 per finalità di controllo sul «legittimo utilizzo» dei permessi, anche per «evitare abusi», «indirizzare i benefici direttamente sui disabili» e «semplificare» il rapporto con la Pubblica Amministrazione.

L’oggetto della rilevazione sono, appunto, i permessi mensili consentiti dalla legge 104 del 1992, che prevede, sia nel pubblico sia nel privato, fino a tre giorni di assenza giustificata. Può assentarsi dal lavoro, oltre al lavoratore con disabilità grave, che non perde nulla in termini di stipendio, anche il dipendente che assiste un parente malato, che può essere il marito, la moglie, il figlio, il genitore, ma anche il fratello, la sorella, il nonno o il nipote (si arriva fino al secondo grado di parentela). Il diritto ai permessi si può allargare al terzo grado, inclusi quindi gli zii, solo quando i genitori o il coniuge del malato abbiano più di sessantacinque anni o siano a loro volta invalidi o ancora non più in vita.

Il Messaggero – 27 gennaio 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top