Breaking news

Sei in:

Manovra sanità. In arrivo maxiemendamento del Governo che recepisce taglio al fondo sanitario 2015 e 2016. Forse anche riforma Aifa, Iss e Agenas

Erano attesi per oggi, ma i tempi sono slittati a domani entro le 20 o al massimo a lunedì entro le 15 in forma di sub emendamenti. Stiamo parlando di tre possibili emendamenti del Governo al decreto legge Enti Locali all’esame della Commissione Bilancio del Senato sui quali Lorenzin sta lavorando febbrilmente in queste ore.

Recepimento dell’Intesa Stato Regioni sui tagli al Fondo sanitario 2015 e 2016 (sancita il 2 luglio scorso), l’attesissima riforma dell’Aifa, ma anche dell’Iss e di Agenas, e nuovi interventi sui Comitati etici per le sperimentazioni cliniche. Dovrebbero arrivare domani all’interno del maxi emendamento del Governo al decreto Enti Locali all’esame della Commissione Bilancio del Senato. E per farcela è in corso una maratona giuridica al ministero della Salute che conferma l’intenzione di provare a portare a casa tutti e tre gli interventi.

In tutti e tre i casi i tempi parlamentari sono comunque ormai fissati secondo un calendario serrato messo a punto stamattina, prima della sconvocazione della V Commissione che attendeva già oggi questi emendamenti al decreto.

Prima scadenza domani, 17 luglio, alle ore 20 per gli emendamenti, con proroga a lunedì prossimo per eventuali sub emendamenti correttivi o supplettivi a quelli che dovrebbero essere presentati domani. La prima convocazione della Bilancio potrebbe a quel punto essere per martedì 21 luglio alle 9.30.

Dai rumors parlamentari in Commissione si dà per certo l’emendamento che deve recepire il taglio di 2,352 miliardi alla sanità per il biennio 2015/2016, mentre ancora non del tutto certi gli altri due.

Il più delicato è ovviamemnte quello che dovrebbe comprendere la riforma dell’Aifa, e forse anche di Agenas e Iss, della quale il ministro Lorenzin aveva del resto già parlato a maggio scorso anticipando la sua intenzione di farne un decreto ad hoc dopo che del riassetto dei tre enti si parla ormai da molto tempo senza arrivare però a conclusione. Ma la volontà del ministro di farcela è confermata da Lungotevere a Ripa dove si sta lavorando per portare a casa il risultato.

E infine c’è anche attesa, e conferma dal ministero, di ulteriori interventi sui Comitati Etici già oggetto di riassetto con il “Decreto Balduzzi” del 2012 e del successivo DM del ministero della Salute del 24 aprile 2013.

QS – 16 luglio 2015

 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top