Breaking news

Sei in:

Emergenza Pfas, il ministero stanzia i primi 13 milioni. «Entro 3 mesi un dettagliato piano degli interventi». Degani: dalle parole ai fatti. Bottacin: bene, ora la legge

«Siamo passati dalle parole ai fatti: non solo le risorse e gli impegni con il territorio verranno mantenuti ma abbiamo inserito nell’accordo di programma anche l’emergenza Pfas». Cosi il sottosegretario all’ambiente Barbara Degani al termine del Comitato di sorveglianza dell’accordo di programma sul bacino del Fratta Gorzone, destinatario di 23 milioni di contribuiti inizialmente destinati intato alla bonifica dei fanghi conciari.

«Questo ci consente di poter programmare assieme al territorio le azioni di contrasto all’emergenza causata dalla contaminazione da perfluoroalchemici anche attraverso l’utilizzo eventuale dei fondi di sviluppo e coesione», ha aggiunto «e la nostra proposta è condivisa unanimemente dagli amministratori regionali, locali e privati».

Soddisfazione dal ministro Gian Luca Galletti: «Restano a disposizione del territorio veneto i 23 milioni di euro fino a oggi non spesi, dieci dei quali da destinare al settore conciario. Gli altri 13 disponibili sul versante Pfas per gli interventi sulle aziende del distretto, sugli scarichi delle fognature, il collettore e gli impianti di depurazione, oltre che per garantire acqua potabile di qualità. Tutto questo dovrà avvenire a fronte di uno stringente e dettagliato cronoprogramma economico, che la Regione e gli enti sottoscrittori dell’Accordo saranno chiamati a definire entro tre mesi».

«Ben vengano fondi subito spendibili anche se siamo lontani dall’entità delle risorse che la nostra sanità giudica necessarie», il commento dell’assessore veneto all’ambiente Gianpaolo Bottacin «ora è importante che il ministero il ministero definisca al più presto i limiti di legge di tutte le sostanze Pfas, come richiesto dall’Istituto superiore di sanità e dalla Regione».

Leggi anche «I 23 milioni di euro restano per il bacino» dal Giornale di Vicenza

Il Corriere del Veneto – 12 maggio 2016

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top