Breaking news

Sei in:

Epidemia di Ebola, paura in Uganda. Nell’ultimo mese almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus

Torna la paura in Uganda: nell’ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti

Torna la paura in Uganda, nell’ultimo mese, almeno 64 persone sono state – o si sospetta che siano – infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti. La rapida ascesa e la diffusione del virus letale in cinque distretti dell’Uganda hanno allarmato gli scienziati e sollevato il timore che l’epidemia sarà molto difficile da contenere.

Secondo Daniel Bausch, direttore delle minacce emergenti e della sicurezza sanitaria globale presso FIND, l’alleanza globale per la diagnostica con sede a Ginevra (Svizzera): «È decisamente preoccupante. La pendenza della curva dei contagi è piuttosto forte». L’ebola è una malattia rara e mortale, con un tasso di mortalità che variava dal 25% al 90% nei focolai passati. I primi sintomi che si manifestano sono generalmente febbre, vomito, mal di testa e affaticamento, ma la condizione può peggiorare rapidamente fino a includere danni agli organi interni e morte. Due principali specie virali danno origine all’Ebola nell’uomo: l’ebolavirus dello Zaire e l’ebolavirus del Sudan. L’ebolavirus dello Zaire ha causato una grande epidemia dal 2013 al 2016 in Africa occidentale che ha stimolato lo sviluppo di vaccini e trattamenti, che da allora hanno trasformato la lotta contro l’Ebola. Ma terapie simili per l’ebolavirus sudanese, responsabile dell’attuale focolaio in Uganda, sono ancora in fase di sperimentazione clinica. L’ultimo focolaio causato da questa specie si è verificato nel 2012 in Uganda››.

Per Fiona Braka, responsabile del programma di risposta alle emergenze presso l’Ufficio regionale per l’Africa dell’Organizzazione mondiale della sanità a Brazzaville, nella Repubblica del Congo, «la situazione è grave. Ma l’Ebola non è nuovo in Uganda che ha familiarità con le misure di risposta rapida necessarie per contenere il virus». Ed in effetti ci sono almeno cinque precedenti focolai di Ebola che si sono verificati nel Paese, quattro dei quali sono stati causati dalla specie del Sudan. Un focolaio nel 2000, il più grande finora in Uganda, fece 425 infezioni e 224 morti. Della situazione ha parlato Kartik Chandran, virologo presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York City: «Sebbene l’ebolavirus sudanese non fosse noto per causare un’infezione umana da circa un decennio, era solo questione di tempo prima che riemergesse. Questi virus sono là fuori e non sappiamo bene dove si trovano in natura e come si trasmettono alle persone». Poi il virologo americano ha parlato delle difficoltà di prevenire l’inizio delle epidemie: «È stato difficile prevenire le epidemie di Ebola, perché animali come alcune scimmie e pipistrelli possono trasportare i virus e diffonderli alle persone. In rari casi, i virus possono indugiare silenziosamente nel corpo di una persona per mesi o addirittura anni dopo un’infezione iniziale per poi emergere e diffondersi ad altri».

I vaccini non bastano

Dato che i focolai di ebolavirus in Sudan sono stati rari, i ricercatori non sono stati in grado di testare a fondo i candidati al vaccino. Tre vaccini sono stati sottoposti a test iniziali per garantire che fossero sicuri negli esseri umani, ma non sono stati possibili studi più ampi necessari per confermare la loro efficacia. Attualmente ci sono sei vaccini allo studio. Quello che è più avanti nella sperimentazione è un vaccino monodose che è stato sviluppato in parte dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) degli Stati Uniti a Bethesda, nel Maryland, ed è concesso in licenza al Sabin Vaccine Institute di Washington DC. Uno studio ha dimostrato che questo jab è protettivo contro le specie sudanesi nei primati non umani . Cento dosi potrebbero essere spedite dal NIAID all’Uganda già la prossima settimana, afferma Richard Koup, direttore ad interim del Centro di ricerca sui vaccini del NIAID. Secondo Gary Kobinger, virologo presso l’Università del Texas Medical Branch a Galveston che è specializzato in Ebola: «Questi dovrebbero avere la priorità per gli operatori ospedalieri, compreso il personale sanitario che interagisce con le persone che sono state infettate e i loro contatti diretti, e i contatti di tali contatti – afferma –. Tuttavia, i vaccini e gli antivirali, anche se si sono dimostrati efficaci, non fermeranno l’epidemia solo perché esistono. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario produrre rapidamente dosi sufficienti e quindi distribuirle ampiamente, il che rappresenterà una sfida».

Una buona notizia

La buona notizia è che gli studi clinici per questi vaccini e trattamenti sperimentali vengono organizzati a un ritmo vertiginoso. I ricercatori, infatti, sperano di iniziare le prove alla fine di questo mese, il che è in netto contrasto con gli oltre otto mesi che ci sono voluti prima che iniziassero le prove durante la grande epidemia dell’Africa occidentale: «Questo è importante, perché i funzionari sanitari sono in una corsa contro il tempo. Più il virus si diffonde geograficamente, più le risorse già scarse diventeranno estese», afferma Gary Kobinger.

Il pericolo della diffusione del virus e le mosse dell’Uganda

Come sempre in questi casi c’è la paura che il virus possa facilmente migrare: l’epidemia comprende regioni dell’Uganda che contengono miniere d’oro che attirano molte persone, nonché una strada trafficata che conduce alla vicina Repubblica Democratica del Congo affermano gli specialisti. Fortunatamente, i funzionari sanitari in Uganda stanno mettendo in pratica le lezioni apprese dai precedenti focolai. Ad esempio, utilizzando un laboratorio mobile a Mubende, l’epicentro dell’epidemia, il personale sanitario può rilevare il virus in un campione entro sei ore invece di dover inviare tutti i campioni all’Uganda Virus Research Institute di Entebbe. Fiona Braka ha esortato i paesi confinanti con l’Uganda a disporre di kit per il test Ebola pronti per la distribuzione e aumentare la sorveglianza per il virus. In allerta anche i paesi al di fuori dell’Africa.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno annunciato lo scorso 6 ottobre che «gli Stati Uniti reindirizzeranno i viaggiatori provenienti dall’Uganda verso uno dei cinque aeroporti statunitensi in grado di effettuare lo screening del virus». Ma il tempo stringe secondo Gary Kobinger: «In questo momento, l’epidemia è in un momento decisivo. Spero che le misure di contenimento fermino la diffusione, ma temo che la situazione possa sfuggire davvero di mano». Mentre scriviamo si apprende che sono state annunciate tre settimane di lockdown sono state annunciate in due distretti dell’Uganda. Bar, locali notturni, luoghi di preghiera e di intrattenimento resteranno chiusi a Mubende e la vicina Kassanda, nel sud del Paese dove è in vigore il coprifuoco. La decisione rappresenta un’inversione di rotta per il presidente dell’Uganda Yoweri Museveni, che in precedenza aveva affermato che non era necessario adottare tali misure.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top