Breaking news

Sei in:

Formazione, l’allarme della Commissione Salute delle Regioni: senza programmazione aumenteranno le carenze di personale sanitario. Il Documento

La Commissione salute delle Regioni “è fortemente preoccupata per il futuro del Servizio Sanitario Nazionale perché aumenteranno le carenze di personale sanitario non solo con riguardo a specifiche figure professionali”.

Si conclude così un documento che gli assessori alla sanità hanno sottoposto ai presidenti che hanno deciso di approvarlo e trasmetterlo sia ai ministri interessati (Salute e Miur) sia al sottosegretario Bressa per un confronto sul tema in Conferenza Stato-Regioni. La Conferenza delle Regioni ha infatti approvato il documento che è stato consegnato in sede di Stato-Regioni con la richiesta di un confronto in tale sede con i ministri competenti: ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli.

Il documento della Commissione Salute sottolinea tre punti in particolare:
– ritiene che il tema della formazione sia fondamentale e prioritario per la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. In sintesi, senza un tempestivo intervento in materia è certa la carenza di risorse umane qualificate necessarie alla garanzia della continuità dei servizi. Già attualmente è complesso riuscire a reperire alcune figure professionali;

– condivide e si associa ai timori e alle segnalazioni degli studenti e delle organizzazioni sindacali sul tema della formazione, anche in relazione all’inserimento dei neolaureati nel Sistema sanitario nazionale;

– ritiene essenziale il coinvolgimento e il riconoscimento del ruolo delle Regioni e Province autonome nelle definizione delle politiche formative di area sanitaria, affinché sia prioritariamente rispettata la coerenza tra il numero dei professionisti formati e le esigenze dei servizi sanitari che, come è noto, sono gestiti ed organizzati dalle Regioni e Province Autonome nell’ambito delle relative scelte programmatorie.

Le Regioni richiamano l’articolo 22 del Patto per la Salute sul quale hanno chiesto già di definire nuovi criteri di programmazione, gestione e valutazione delle attività formative coerenti alle nuove sfide del SSN e ai nuovi modelli e fabbisogni organizzativi.

Ad esempio con la rivalutazione della potenzialità formativa, in termini numerici, dei corsi di laurea, delle scuole di specializzazione, della formazione post laurea.

Ma anche con l’introduzione di corsi di specializzazione universitaria anche per la medicina generale al posto degli attuali corsi di formazione organizzati a livello regionale, nonché per la pediatria l’acquisizione di maggiori specifiche competenze riguardanti l’assistenza territoriale all’interno dell’attuale formazione specialistica).

E la Commissione Salute rilancia, ritenendolo di “prioritaria importanza l’impegno del governo per prevedere l’ accesso dei medici al Ssn a seguito di conseguimento della laurea a ciclo unico e dell’abilitazione, quindi anche senza specializzazione”.

In questo senso il documento fa riferimento alla proposta di disegno di legge delega della Commissione Salute del maggio 2016 che definiva alcuni precisi indirizzi: il titolo di formazione di base e l’abilitazione all’esercizio della relativa professione quali requisiti di accesso; l’inquadramento a tempo indeterminato in categoria non dirigenziale nell’ambito del contratto di area IV, con percorsi di carriera e livelli retributivi determinati dal contratto; l’inserimento nell’azienda per lo svolgimento di attività medico-chirurgiche di supporto con autonomia vincolata alle direttive ricevute, in coerenza con il grado di conoscenze, competenze ed abilità acquisite, secondo quanto previsto delle disposizioni della contrattazione collettiva.

Le relative assunzioni sarebbero dovute avvenire ad invarianza del costo complessivo della dotazione organica aziendale; l’accesso di tali professionisti, per esigenze del Ssr, in soprannumero, ad una scuola di specializzazione; la possibilità per i predetti professionisti di accedere, una volta acquisita la specializzazione, ai concorsi per il personale dirigenziale di cui all’articolo 15 del decreto legislativo n. 502 del 1992.

“La formazione è in generale un tema fondamentale per lo sviluppo delle nuove generazioni ma diventa fondamentale per quanto riguarda il Servizio Sanitario Nazionale.  Per questo in Conferenza Stato-Regioni ho voluto sottoporre il tema all’attenzione del Governo”, ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. “Occorre infatti uno sforzo congiunto delle istituzioni per far fronte alla carenza di risorse umane qualificate necessarie alla garanzia della continuità dei servizi in sanità. Attività per le quali è fondamentale il contribuito dei medici specializzandi visto che già attualmente è complesso riuscire a reperire alcune figure professionali. Occorre coinvolgere di più le Regioni nella definizione delle politiche formative di area sanitaria. Soprattutto perché – ha spiegato Bonaccini – dobbiamo raggiungere coerenza tra il numero dei professionisti formati e le esigenze dei servizi sanitari. Le Regioni hanno portato avanti proposte e sono disponibili per risolvere tale problematica. Siamo pronti, e lo abbiamo già scritto in precedenti documenti, ad un confronto con il Governo – ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca scientifica e con il ministero della Salute – e con le rappresentanze del mondo professionale per definire nuovi criteri di programmazione, gestione e valutazione delle attività formative che siano più coerenti con le nuove sfide del Servizio sanitario e in linea con i nuovi modelli e fabbisogni organizzativi”.

“Siamo preoccupati per possibili carenze di personale sanitario – ha spiegato Antonio Saitta (assessore delle regioni Piemonte e coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni) – per questo proponiamo una rivalutazione della potenzialità formativa, in termini numerici, dei corsi di laurea, delle scuole di specializzazione, della formazione post laurea. Si può anche pensare – ha aggiunto Saitta – all’introduzione di corsi di specializzazione universitaria anche per la medicina generale al posto degli attuali corsi di formazione organizzati a livello regionale, e per la pediatria all’acquisizione di maggiori specifiche competenze riguardanti l’assistenza territoriale all’interno dell’attuale formazione specialistica.

L’importante è che riprenda urgentemente il confronto Governo-Regioni – ha concluso Saitta – per arrivare ad una definizione dei fabbisogni formativi strettamente connessa e coerente ai fabbisogni organizzativi del Ssn. Dobbiamo lavorare con il Governo per prevedere l’accesso dei medici al Servizio sanitario nazionale anche subito dopo la laurea e l’abilitazione, quindi anche senza specializzazione. A tal riguardo peraltro è in discussione in Parlamento un disegno di legge delega che definisce alcuni precisi indirizzi su cui varrebbe la pena – ha concluso Saitta – riprendere il confronto magari in un organismo paritetico di indirizzo e coordinamento che coinvolga i diversi attori istituzionali interessati (Regioni, Ministero della salute e Miur)”.

Quotidiano sanità –  21 settembre 2017

Allegati:

spacer Il documento della Commissione Salute

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top