Breaking news

Sei in:

I consiglieri tosiani: “Monitoraggio Pfas sugli alimenti, oltre i tavoli istituzionali e i convegni ci sono risultati concreti per tutelare la salute dei Veneti?”

“Monitoraggio Pfas su alimenti, oltre i tavoli istituzionali ed i convegni ci sono risultati concreti per tutelare la salute dei cittadini Veneti?” Un quesito che diventa il titolo dell’interrogazione a risposta scritta dei consiglieri regionali tosiani Giovanna Negro (Veneto del Fare), Andrea Bassi e Maurizio Conte (Lista Tosi).

“Su mandato della Giunta Regionale – spiegano i tosiani – la Direzione regionale Prevenzione, Sicurezza alimentare e Veterinaria comunicava di aver dato avvio “immediato” ai campionamenti per verificare la presenza di sostanze perfluoroalchiliche in particolare nelle produzioni agricole da albero. Ad oggi manca però totalmente un monitoraggio dei tuberi ed in generale dei vegetali ipogei e delle verdure a pieno campo, tanto che l’Istituto superiore di sanità ne aveva raccomandato un approfondimento. Assente inoltre, il monitoraggio sull’acqua utilizzata nelle “casette pubbliche” (dove l’acqua arriva degli acquedotti pubblici)”.

“Nonostante l’emergenza in corso, basta pensare che gli esposti all’inquinamento sono 400mila, – affermano i tre consiglieri – a distanza di un anno non è stata comunicata alcuna notizia riguardo la strutturazione del piano complessivo che si andrà a realizzare e non sono chiare le motivazioni alla base delle campionature odierne, nonché i principi ispiratori, le premesse scientifiche, le finalità e gli obiettivi complessivi del nuovo piano”.

“Abbiamo appreso a mezzo stampa – proseguono i consiglieri – dell’esistenza del Piano di monitoraggio sugli alimenti illustrato dal direttore del Dipartimento ambiente e prevenzione primaria dell’ISS. La Regione del Veneto ha nominato una commissione mista tra i settori ambiente e socio-sanitario per il monitoraggio della problematica Pfas e l’Istituto Superiore di Sanità regionale ha programmato entro la fine dell’anno un incontro di scambio tecnico (entro febbraio 2017 anche un workshop propedeutico alla stesura del protocollo di studio specifico). Ma quali sono i risultati?”

I consiglieri con l’interrogazione rivolgono alla giunta tre quesiti:            

  1. se la Regione intenda informare i cittadini comunicando i primi risultati ottenuti relativamente al disinquinamento da Pfas;
  2. se la Regione intenda fare analisi approfondite sui prodotti agricoli coltivati a pieno campo;
  3. se è in corso un monitoraggio ed una verifica sul commercio e sul consumo di prodotti contaminati da Pfas.

2 dicembre 2016 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top