Breaking news

Sei in:

Federalimentare: dazi e blocchi sanitari frenano l’alimentare italiano

Federalimentare fa il punto della situazione delle esportazioni: fatturato di 25 miliardi
I prodotti tassati dal 15% al 35% oltre a «blocchi» sanitari: e così si perdono 2 miliardi all’anno

L’industria alimentare italiana vola sui mercati esteri con un fatturato di 25 miliardi legato all’export ma il suo slancio è frenato in diversi Paesi da barriere doganali, dazi che «caricano» dal 15 al 35% e vari impedimenti sanitari che sottraggono un potenziale fatturato di due miliardi all’anno. È quanto afferma Federalimentare, facendo il punto sugli ostacoli a una maggiore internazionalizzazione. «In questo momento – osserva Luigi Scordamaglia, consigliere incaricato di Federalimentare e membro del Cda Ice – è importante crescere di più nei paesi emergenti e nell’area Bric. Per smantellare le resistenze in queste realtà, dove ad esempio le barriere sanitarie penalizzano fortemente il made in Italy alimentare, dobbiamo essere in grado di presentarci come sistema Paese. Questo sarà possibile grazie anche alla nuova Ice e agli input che il Governo ha trasmesso alle diverse amministrazioni dedicate all’internazionalizzazione». «Con l’abbattimento di barriere doganali e la riduzione dei dazi – aggiunge Scordamaglia – l’industria alimentare potrebbe quasi raddoppiare su base annua il tasso di crescita del proprio export. Da qui al 2020 potremmo raggiungere infatti 60 miliardi di export contro i 43 attesi dalla crescita fisiologica finora registrata. Questo vuol dire quasi 2 miliardi di euro in più all’anno». Gli ostacoli doganali sono per esempio ben presenti in Russia che pure rappresenta, come sottolinea il presidente di Federalimentare, Filippo Ferrua Magliani, «il più promettente tra i nuovi mercati per i nostri prodotti enogastronomici». L’export alimentare in Russia dopo aver raggiunto nel 2011 la quota di 420 milioni di euro (+25,3% sull’anno precedente) si è fermato nel primo trimestre 2012 a quota 92,6 milioni (-2,8% rispetto sul pari periodo 2011). È emersa, in particolare – evidenzia Federalimentare – la caduta verticale dell’esportazione enologica che, a seguito di problemi doganali di natura extradaziaria, si è quasi dimezzata, toccando quota 18,5 milioni con un calo in valuta del -48,2% sul primo trimestre 2011. Anche il Brasile fa soffrire l’export dell’industria alimentare italiana: oltre al dazio medio del 15% ci sono anche barriere sanitarie che impediscono ad esempio l’export di insaccati italiani sotto i 10 mesi di stagionatura. «Più in generale – afferma Ferrua Magliani – il protezionismo colbertista nei nuovi mercati è particolarmente deciso nei confronti del made in Italy alimentare. Basti pensare che in India i dazi medi arrivano al 35%, in Thailandia al 26%, in Cina al 17% e in Argentina 15%, mentre ancor più pesanti sono le barriere non tariffarie».

L’Arena – 10 settembre 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top