Breaking news

Sei in:

Il punto di Folli. Oltre la trappola dello «streaming», Renzi vede l’approdo del governo: il rebus sta trovando soluzioni

di Stefano Folli. Se si voleva la conferma che il governo Renzi nascerà entro due o tre giorni, essa è venuta dallo spettacolo offerto da Beppe Grillo durante le consultazioni. Uno “show” studiato a tavolino, parola per parola, per rubare la scena al presidente incaricato, ma soprattutto per esorcizzare la paura che il tentativo di Renzi riesca e finisca per sottrarre un po’ di consensi ai Cinque Stelle.

Grillo ha offerto di sé l’immagine peggiore. Intollerante, offensivo verso l’interlocutore, sprezzante, incapace di accettare un minimo di contraddittorio. Senza peraltro riuscire a cancellare l’impressione di una certa difficoltà, testimoniata dall’incertezza vissuta fino all’ultimo (partecipare o no alle consultazioni?) e risolta infine con un singolare compromesso. Partecipare, sì, ma solo per insultare Renzi e le istituzioni che in quel momento il premier incaricato rappresentava.

Tuttavia si è visto già in altre occasioni che il Grillo oltranzista, quello che suscita le maggiori riserve tra gli osservatori, è anche quello che piace di più ai militanti “pentastellati”. Per cui può darsi che dal suo punto di vista abbia ragione, visto che ci avviciniamo al voto europeo e ieri il grande populista ha fatto campagna elettorale.

Lo ha aiutato senza dubbio la strana idea di concedere la diretta “streaming” del colloquio di Montecitorio. Unico caso nell’intero arco delle consultazioni e omaggio alla filosofia dei Cinque Stelle. Che peraltro la applicano solo se e quando fa loro comodo. Sta di fatto che di fronte all’aggressione verbale messa in atto da Grillo, e ampiamente prevedibile, Renzi è apparso piuttosto dimesso, abbastanza lontano dal consueto personaggio brillante e volitivo.

Qualcuno ha ricordato il precedente di Bersani, anche lui in “streaming”, mortificato l’anno scorso non da Grillo ma da un paio di suoi collaboratori. In realtà il paragone regge solo fino a un certo punto. Bersani era remissivo perché si illudeva di ottenere l’appoggio dei “grillini” al suo governo. Renzi ovviamente non insegue questi arabeschi e semmai punta a sottrarre voti al carro dei Cinque Stelle. Però è apparso più contratto rispetto al solito, segno forse che è stato preso alla sprovvista dall’offensiva di Grillo.

Una parentesi, in ogni caso. Fra un paio di giorni sarà dimenticata, specie se il presidente incaricato scioglierà la riserva e porterà a Napolitano la lista del suo ministero. La sensazione è che il rebus stia trovando una soluzione, un passo alla volta. Ormai si sta discutendo dei nomi perché l’impianto della maggioranza è stato fissato ed è analogo a quello del governo Letta. La differenza è il rapporto di Renzi con Berlusconi. Rapporto indispensabile per attuare il programma delle riforme, ma fin troppo ricco di chiaroscuri. Anche perché il vero obiettivo di Renzi (e di Berlusconi con lui) è la riforma della legge elettorale. Strumento irrinunciabile per governare davvero la legislatura e, se del caso, provocarne lo scioglimento.

Stefano Folli – Il Sole 24 Ore – 20 febbraio 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top