Breaking news

Sei in:

Il Senato converte in legge il decreto Milleproroghe. Ecco le norme nel testo varato lo scorso 27 dicembre

Con 135 voti favorevoli, 20 contrari e 78 astenuti, il Senato ha approvato definitivamente questa mattina la conversione in legge del decreto “Milleproroghe” n. 150/2013, in scadenza il 28 febbraio. Ieri il decreto, in terza lettura a palazzo Madama, era stato approvato dalla commissione Affari costituzionali senza modifiche rispetto alla versione arrivata dalla Camera.

Tra le modifiche al decreto disposte dalla Camera e confermate dal Senato si sono la proroga degli sfratti per finita locazione al 31 dicembre 2014 e la proroga dell’entrata in vigore della riforma del noleggio con conducente per le auto (Ncc). Affidata inoltre ad un decreto ministeriuale la fissazione dei requisiti per l’equipollenza tra commercialisti e revisori contabili. Prevista anche la soppressione della proroga del commissario per il terremoto dell’Irpinia del 1980 e di quella del commissario ai rifiuti di Palermo. Prevista poi la soppressione della proroga dei dirigenti Aifa , la soppressione della proroga del mantenimento contabilità speciali per le Province istituite nel 2004, e la riduzione del finanziamento per “Italia Lavoro”.

Recesso affitti d’oro entro 30/06. Le amministrazioni pubbliche potranno recedere dalle locazioni passive entro il 30 giugno 2014.

Sfratti sospesi fino al 31 dicembre mesi a chi è in difficoltà.Sfratti sospesi per tutto l’anno, ma non per tutti: solo per chi ha reddito familiare sotto i 21.000 euro, residenti nei comuni capoluoghi di provincia, nei comuni limitrofi con oltre 10.000 abitanti e nei comuni ad alta tensione abitativa, che siano o abbiano nel proprio nucleo familiare figli fiscalmente a carico, persone ultra-sessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap con invalidità superiore al 66%, purché non siano in possesso di un’altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella regione di residenza.

Rinvio per la web tax. La web tax, la norma introdotta nella legge di Stabilità e non ancora entrata in vigore, è
stata posticipata al primo luglio.

Norme antitrust.

Prorogato anche il divieto di acquisizione di partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani per i soggetti che esercitano l’attività televisiva in ambito nazionale con ricavi superiori a quelli fissati dalla norma relativa. Il divieto sarebbe scaduto il 31 dicembre.

Lavoratori socialmente utili.Dal 1° luglio 2014 sarà possibile la stabilizzazione, a carico delle Regioni, dei lavoratori socialmente utili.

Salva Comuni.I Comuni che non hanno rispettato il Patto di Stabilità vedranno ridotte le sanzioni.

Bonus mobili.Il decrete chiarisce che “le detrazioni fiscali sono concesse per gli arredi degli immobili in ristrutturazione anche se l’importo complessivo supera il valore della ristrutturazione”.

Expo 2015.Per l’anno 2013 è attribuito al Comune di Milano un contributo di 25 milioni di euro a titolo di concorso al finanziamento delle spese per la realizzazione di Expo 2015.

Alluvione Sardegna. Vengono concesse ai residenti dei Comuni alluvionati nel novembre 2013 delle proroghe negli adempimenti fiscali che ricalcano quelli già concessi per il terremoto dell’Emilia.

Tassa da sbarco per le isole minori.Introdotta “un’imposta da applicare fino a un massimo di 2,50 euro ai passeggeri che sbarcano sul territorio di un’isola minore, utilizzando compagnie di navigazione che forniscono collegamenti di linea o imbarcazioni che svolgono trasporto di persone a fini commerciali”.

Possibile aumento fino 0,7% accise tabacchi. “Dalla data di entrata in vigore della conversione di questo provvedimento, con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, possono essere stabilite modificazioni, nella misura massima dello 0,7%, delle aliquote di accisa e di imposta di consumo che gravano sui prodotti da fumo e loro succedanei”.

Interventi emergenziali.Il governo ha prorogato la “gestione commissariale della Costa Concordia, completamento dell’attività del commissario per interventi infrastrutturali nelle zone colpite dal terremoto del 1980, gestione liquidatoria in favore della città di Palermo già prevista legge 74/2012, incentivi per attivazione impianti alimentati da fonti rinnovabili nelle zone colpite dal sisma in Emilia, sorveglianza delle Forze Armate all’Aquila”.

26 febbraio 2014

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top