Breaking news

Sei in:

In Francia, un agnello-medusa è finito in tavola, ma non si sa dove: l’animale geneticamente modificato è stato fatto uscire da un centro di ricerca

Beniamino Bonardi. In Francia, un agnello geneticamente modificato con una proteina di medusa è entrato nella catena alimentare. Il fatto risale all’autunno 2014, ma la notizia è stata data ieri dal quotidiano Le Parisien e confermata dall’Inra, l’Istituto nazionale di ricerca agronomica, che sta conducendo uno studio medico sull’infarto. L’Inra, che rassicura sull’assenza di rischi sanitari, ha informato  l’autorità giudiziaria  attribuendo l’accaduto al comportamento di due dipendenti dell’Istituto.

Nel 2010, in un laboratorio dell’Inra, nell’ambito di una ricerca sul trapianto in caso d’insufficienza cardiaca, fu inserita in un agnello una proteina della medusa. Questa ha il potere di rendere le cellule fluorescenti, cosa che può facilitarne il trapianto dopo un infarto miocardico. Nella primavera del 2014, questa pecora partorì un agnello, chiamato Rubis, che in agosto fu inviato a un macello, in violazione del divieto previsto dal Codice dell’ambiente. Da lì venne poi venduto il 28 ottobre. L’Inra, venuto a conoscenza del fatto il 5 novembre, ha condotto un’indagine amministrativa, da cui sono emerse tensioni e disfunzioni nella struttura in cui era ospitato l’agnello Rubis. Il 15 giugno, tutte le informazioni sono state trasmesse all’autorità giudiziaria.

Benoît Malpaux, direttore del centro dell’Inra di Jouy-en-Josas, ha dichiarato che si tratta di fatti “inaccettabili, che richiedono la massima severità. Siamo un istituto di livello mondiale e non possiamo tollerare un simile comportamento”.

Il Fatto alimentare – 26 giugno 2015 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top