Breaking news

Sei in:

La manovra: 4 miliardi di tagli al Ssn in tre anni. Sforbiciata per Asl e ospedali. Tetto stipendi manager e dirigenti

renzi lorenzin padoandi Roberto Turno. Tagli alla spesa farmaceutica, ai posti letto e ai piccoli ospedali. Sforbiciata alle buste paga dei dirigenti medici e non, ma quelli più ricchi, chissà se ai manager delle asl. Beni e servizi sotto tiro. Il Governo è pronto a calare una scure da 868 mln quest’anno e da 1,508 mld nel 2015-2016 sulla spesa sanitaria, riducendo il Fondo ma tenendo conto delle regioni con i fondamentali in regola. E lasciando i governatori liberi di tagliare in altro modo: basta arrivino risparmi di pari valore. Eccola la manovra sui conti di asl e ospedali che emerge dalla bozza del decreto che arriverà domani a palazzo Chigi. Oggetto di una trattativa all’ultimo respiro, la nuova stangata al Ssn è contenuta in un solo articolo (il 5), ma anche in altri punti del decreto, a cominciare dalle regole che possono valere per l’acquisto di beni e servizi. Ecco l’articolo con i tagli alla sanità

E per il taglio agli stipendi dei medici (anche convenzionati) oltre i 240mila euro percepiti dal capo dello Stato, ma con limiti differenziati tutti da definire: nel calcolo dei reddito entreranno anche tutte le indennità e somme comunque incassate, inclusi gli incarichi occasionali, si presume pure l’attività intramoenia.

Il capitolo farmaci è la new entry del momento. Si parte dalle gare («procedura selettiva a evidenza pubblica») che l’Aifa dovrà lanciare per selezionare tra farmaci generici uguali i tre che costano meno: lo Stato rimborserà solo i medicinali che costano meno, sugli altri l’assistito pagherà la differenza di prezzo. Evidente l’intenzione di indurre le imprese ad abbassare i listini, e dunque far risparmiare il Ssn. Altra novità: l’individuazione di categorie terapeutiche omogenee sovrapponibili per risultati: in questo caso le regioni potrebbero scegliere con altre gare i farmaci che costano meno. Risultato del tutto: si abbassano i tetti della farmaceutica. La territoriale (canale farmacia) passerà dall’11,35% all’11,25 già quest’anno poi all’11,20 nel 2015; il tetto dell’ospedalierà scenderà imnvece dall’attuale 3,5% al 3,4 e poi nel 2015 al 3,35%.

Altro taglio: le tariffe, dunque i volumi di attività, delle convenzioni per la specialistica e l’ospedalità privata: il taglio sale dal 2 al 3,5% quest’anno e poi compare anche la riduzione del 4% per il prossimo anno.

Un risparmio preciso sul totale viene indicato solo per i prezzi di riferimento (relativi a lavori, servizi e forniture) e per i nuovi standard degli ospedali: in tutto si indicano 200 mln quest’anno e 500 mln nel 2015. Sugli ospedali (oggetto di accordo col «Patto salute») vale ricordare che si tratta di interventi che riguardano il taglio dei posti letto e l’addio (sarebbero 190) alle strutture private con meno di 60 posti.

Le regioni potranno scegliere altre misure, purché risparmino. Ma nel riparto del nuovo Fondo , potranno «in autocoordimento» indicare modalità (da sancire a fine maggio d’intesa col Governo, e a fine settembre per il 2015-2016) che tengano conto del rispetto dei tempi di rimborso ai fornitori (ma l’Economia è scettica) e degli acquisti centralizzati già in corso. Altrimenti si ragionerà in base a costi e fabbisogni standard.

Il Sole 24 Ore – 17 aprile 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top