Breaking news

Sei in:

«Basta falso made in Italy». L’obiettivo è garantire prodotti sicuri a Natale e sostenere le imprese

L’IMPEGNO Il presidente Moncalvo: battaglia finalizzata a difendere l’identità e il valore delle produzioni per assicurare reddito e lavoro

Oltre 10mila agricoltori e allevatori della Coldiretti «armati» di trattori si preparano alla campagna del Brennero per manifestare contro l’invasione di falso madein Italy. Si è ridotto infatti al 70% il tasso di autoapprovvigionamento di prodotti agroalimentari, mentre in un anno hanno chiuso i battenti oltre 30mila imprese agricole. E anche sull’occupazione scatta l’emergenza: la flessione, rilevata dai dati Istat di ieri c’è, anche se in percentuale inferiore rispetto agli altri settori. Unasituazione di allarme che stride con i numerosi punti di forza del made in Italy. Edèsu questi che vuole far leva la Coldiretti per la sua battaglia in difesa dell’identità e del valore dei prodotti italiani.

Una battaglia che avrà l’epicentro nel Brennero dove mercoledì prossimo è stato organizzato un presidio, in collaborazione con le forze dell’ordine, per smascherare l’ingresso del «finto Made in Italy» e delle importazioni di bassa qualità dirette sulle tavole in vista del Natale. Un’operazione puntata sui consumatori per aiutarli a fare scelte d’acquisto consapevoli, ma finalizzata anche a sostenere la sopravvivenza e il lavoro delle imprese italiane. Dal Brennero poi il presidente Roberto Moncalvo rilancerà con forza la richiesta dell’etichetta supertrasparente per tutti i prodotti.

«Dobbiamo portare l’agricoltura italiana e il suo modello di sostenibilità totale in Europa, compiutamente – ha affermato Moncalvo – abbiamo già cominciato a farlo. Ma è necessario anche agire per cancellare i furti d’identità e di valore che non permettono ai consumatori di acquistare con consapevolezza e che tolgono reddito alle nostre imprese».

Oggi l’Italia importa quasi il 30% dei prodotti alimentari con picchi dell’80% per la soia. Un «buco» produttivo non in linea con l’immagine del made in Italy, spesso rubata da prodotti che di italiano hanno solo le figure o il «sounding». Un giro d’affari perso di oltre 60 miliardi. «Se non difendiamo i nostri prodotti e la nostra identità – ha sottolineato Moncalvo – non ci sarà futuro per i giovani in questo Paese». E sarà il presidente della Coldiretti a guidare il presidio in un valico strategico attraverso il quale giungono in Italia miliardi di litri di latte, cagliate e polveri, conserve di pomodoro, succhi di frutta concentrati e anche milioni di cosce di maiale per fare i prosciutti, diventati il simbolo della protesta. A Reggio Emilia infatti, sempre mercoledì, convergeranno allevatori da tutta Italia.

Il Sole 24 Ore – 30 novembre 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top