Breaking news

Sei in:

«Bilancio allegro» degli euro-burocrati: 305mila euro per «far socializzare» personale

Le colorite voci di spesa di Bruxelles per l’anno in corso. Salteranno anche quelli? Nero su bianco, due milioni e seicentomila euro destinati in un anno a «coprire le spese per bevande, bibite e pasti leggeri, serviti nel corso di riunioni interne dell’istituzione», vale a dire del Parlamento europeo.

E i 305 mila euro stanziati dallo stesso Parlamento per «incoraggiare le relazioni sociali tra i membri del personale»? O i 29 milioni 996 mila euro che devono coprire «l’organizzazione di gruppi di visitatori» e anche gli «inviti a moltiplicatori di opinione dei Paesi terzi?», (forse vuol dire «leader»?).

ACCORDO – L’accordo sul bilancio settennale 2014-2020 dell’Unione Europea, raggiunto l’altro sabato, entrerà in vigore dal prossimo gennaio, se e quando avrà il via libera dall’Europarlamento. La promessa giunta dal vertice Ue è quella di tagliar duro anche nel bosco delle spese amministrative: almeno sulla carta, la «spending review» parte da casa. E i «boscaioli» dovrebbero essere già in marcia, fra i bilanci ufficiali e pubblici dei palazzi Ue. A cominciare dal testo più recente e tormentato, il «pacchetto» di Bilancio generale del 2013 formalmente adottato a dicembre.

SPESE – Lì si constata ad esempio che il Parlamento può proporre di stanziare in un anno per le uniformi dei propri autisti e uscieri 661.500 euro, per la cancelleria e «materiali di consumo diversi» 2.339.500 euro, per i francobolli 357 mila, per il proprio parco «di auto e biciclette» 6.068.000 euro; e per le «mense e ristoranti» 3.960.000 euro, con un balzo dai 2.600.000 del 2012. O ancora 1.361.350 euro – sempre di fondi pubblici- che comprendono spese «di ricevimenti e di rappresentanza… ivi compreso l’acquisto di articoli e di medaglie per i funzionari che hanno maturato 15 o 25 anni di servizio». Agli o alle «assistenti parlamentari» vengono dedicati 187.345.000 euro. All’«acquisizione di consulenza» (di «esperti qualificati e istituti di ricerca», loro spese di viaggio comprese) 11.530.000 euro. Il «finanziamento dei partiti politici europei» vale 21.794.200 euro, e quello delle fondazioni 12.400.000. E ci sono le «spese per missioni e spostamenti del personale tra i tre luoghi di lavoro», cioè Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo: 28.616.000 euro. È storia vecchia: una volta al mese, il Parlamento si trasferisce a Strasburgo, con un costo totale per i contribuenti stimato in 200 milioni all’anno. Il bilancio dimostra anche come tutte le istituzioni europee curino il benessere dei bambini: cioè dei figli dei propri dipendenti. Il Parlamento considera appropriati 6.683.000 euro «per l’insieme delle spese relative al centro per l’infanzia e agli asili nido esterni con i quali è stata conclusa una convenzione»; il Consiglio dell’Unione Europea (l’organismo che riunisce i ministri dei vari governi) punta su 2.014.000, e la Corte dei conti – il guardiano degli sprechi contabili – concorda su 1.654.000 euro come «stanziamento destinato a coprire la quota della Corte per il centro polivalente per l’infanzia e il centro studi a Lussemburgo». E al pari dei bambini, nei palazzi Ue non si dimenticano neppure gli anziani, i pensionati: 200 mila euro sono destinati dal Parlamento alle «spese per riunioni e altre attività di ex deputati».

INDENNITÀ – Tutte le istituzioni annoverano poi, fra gli stanziamenti per stipendi, indennità e assicurazioni varie, «l’indennità di licenziamento di funzionari in prova, licenziati a causa di manifesta inattitudine». Il Parlamento concentra notevoli risorse sulla «sicurezza e sorveglianza degli immobili», fondi per 36.043.268 euro. E forse non basta: già tre volte, dal 2009 al 2011, nello stesso Parlamento è stata rapinata prima la banca interna e poi una dipendente. Il budget 2013 per «manutenzione, riparazione e pulizia immobili» ammonta invece a 57.264.000 euro: nel 2008 c’è stato il crollo parziale del tetto nella sede di Strasburgo, e nello scorso settembre è stato chiuso l’emiciclo nella sede di Bruxelles per sospette crepe.

Fra i 305 mila euro destinati dal Parlamento alle «relazioni sociali» fra il personale, sono comprese «sovvenzioni ai club e circoli sportivi e culturali». Ma chi si allena, può sempre farsi male: così, ecco uno stanziamento destinato a «premi assicurativi per infortuni sportivi per gli utenti del centro sportivo del Parlamento europeo a Bruxelles e Strasburgo».

Luigi Offeddu – Corriere.it – 11 febbraio 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top