Breaking news

Sei in:

Libero scambio Ue-Usa, Copa Cogeca: “Eliminare gli oneri burocratici per export negli Stati Uniti”

In occasione di una riunione di alto livello tenutasi a Washington, l’organizzazione ha esortato i negoziatori ad abolire le barriere tecniche al commercio. I negoziati si sono incentrati sulle barriere tecniche al commercio, sull’accesso al mercato agricolo e sulle norme di origine

Durante una riunione di alto livello tenutasi a Washington, il Copa-Cogeca ha messo in guardia contro i problemi logistici legati all’esportazione di prodotti negli Stati Uniti, come le norme costose in materia di etichettatura e di trasporto marittimo, indicando che queste barriere al commercio vanno eliminate per assicurare un esito positivo nei negoziati di libero scambio tra l’Ue e gli Usa.

Prendendo la parola alla riunione delle parti interessate, Arnaud Petit, direttore per i prodotti di base e il commercio al Copa-Cogeca, ha dichiarato: “Riteniamo che i negoziati agricoli di libero scambio tra l’Ue e gli Stati Uniti non siano troppo difficili da gestire. Il fatto che il 40% delle materie prime agricole trasformate dall’industria alimentare europea provenga da Paesi non Ue mostra che l’Unione europea è già aperta al commercio mondiale. Il 70% circa delle esportazioni agricole europee è composto da prodotti lavorati come il formaggio, il vino, le carni trasformate che sono commercializzati nel segmento di mercato dei prodotti ad alto valore. Il più grande ostacolo al commercio è pertanto imputabile all’inutile burocrazia e alle barriere commerciali, a norme e obblighi costosi, come i requisiti in materia di etichettatura e di imballaggio. Ad esempio, i produttori lattiero-caseari incontrano enormi ostacoli alla commercializzazione di prodotti lattiero-caseari di categoria A negli Stati Uniti. Nel settore ortofrutticolo, le barriere fitosanitarieimpediscono alla frutta europea di entrare sul mercato statunitense. Occorre porre rimedio a tale situazione. È fondamentale garantire che sia affrontata la questione delle barriere commerciali non tariffarie”.

In collaborazione con l’industria alimentare europea, il Copa-Cogeca ha elaborato una relazione sulle barriere non tariffarie che dovrebbero essere affrontate nel quadro dei negoziati sulle questioni sanitarie e fitosanitarie (Sps). Il principale obiettivo di quest’esercizio era quello di identificare i settori che hanno un impatto significativo sulle imprese e sull’occupazione.

“Il risultato dei negoziati – afferma il Copa-Cogeca – dovrebbe promuovere anche l’adozione di norme internazionali. Il principio diregionalizzazione andrebbe incluso nell’accordo veterinario tra l’Ue e gli Stati Uniti come un esempio di norma internazionale che sia vantaggiosa per tutti gli agricoltori. Se non siamo capaci di promuovere insieme norme internazionali nel settore agroalimentare, perderemo un’opportunità di stabilire condizioni favorevoli per far fronte alla concorrenza mondiale nei prossimi 20 anni”.

Infine, l’organizzazione invita le autorità statunitensi ad autorizzarequanto prima l’esportazione di carni bovine europee sul loro mercato. E deve essere riconosciuto anche il sistema europeo di indicazioni geografiche (Ig) che tutela i prodotti di qualità dell’Ue contro le imitazioni.

Queste richieste si iscrivono nel quadro del quinto ciclo di negoziati su un accordo di partenariato transatlantico su commercio e investimenti (Ttip) tra l’Ue e gli Stati Uniti. I negoziati sono proseguiti questa settimana e si sono incentrati sulle barriere tecniche al commercio, sull’accesso al mercato agricolo e sulle norme di origine.

Agronotizie – 24 maggio 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top