Breaking news

Sei in:

L’intervento. “Si prospetta un brutto 2021 per il latte bovino italiano. E neanche gli ultimi quattro mesi del 2020 saranno belli”

Italatte, del gruppo Lactalis, ha inviato il 1° Ottobre 2020 ai suoi tanti conferenti un aggiornamento sul “contratto di somministrazione del latte” dove comunica i nuovi prezzi base, ossia al netto dei premi e dell’IVA, di ritiro del latte bovino, e che saranno:

  • Settembre 2020: 365 euro/1000 lt
  • Ottobre 2020: 365 euro/1000 lt
  • Novembre 2020: 355 euro/1000 lt
  • Dicembre 2020: 350 euro/1000 lt

Lactalis informa inoltre che per il 2021 il prezzo base sarà di 355 euro/1000 lt, o meglio “sarebbe” visto che i “contratti di somministrazione del latte” sono un semplice e temporaneo atto burocratico che si può disdire quando si vuole con un preavviso di 90 giorni.

Accanto a tutto ciò due fatti nuovi.

Benessere animale: Lactalis impone ai suoi conferenti l’obbligatorietà di avere un minimo del 60% alla valutazione del benessere animale effettuata con il metodo CReNBA. Il non raggiungimento di questo requisito minimo comporterà una riduzione del prezzo alla stalla di 5 euro/1000 lt.

Quote latte mensili: Il conferente, ossia l’allevatore, per potere avere nel 2021 un prezzo del latte base di euro 355/1000 lt, deve conferire mensilmente a Lactalis lo stesso quantitativo di latte conferito nei mesi analoghi del 2020. Nel caso di eccedenze per i mesi Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile, Novembre e Dicembre 2021, il prezzo del latte verrà decurtato di 60 euro/1000 lt.

Continua a leggere

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top