Breaking news

Sei in:

«Pochi professionisti dipendenti del Ssn nel Consiglio superiore di sanità»

Anaao: atteggiamento culturale anacronistico che marginalizza chi presta la propria attività come dipendente del Servizio sanitario nazionale

Su 50 componenti del nuovo Consiglio superiore di sanità i professionisti dipendenti del Ssn si contano al massimo su due mani. E’ il segnale, se ce ne fosse ancora bisogno, di un atteggiamento culturale che considera i medici dipendenti, che pure rappresentano l’ossatura del sistema sanitario italiano, figli di un dio minore destinati a ruoli marginali nei confronti del mondo accademico”. A esprimere perplessità sulla composizione del nuovo Css,insediato la scorsa settimana, è Costantino Troise, segretario nazionale Anaao Assomed.

“Forse il ministro Fazio – sottolinea in una nota Troise – si fa tradire dalle proprie origini, ma certo non rende un buon servizio alla sanità italiana se alimenta rendite di posizione ormai prive di riscontro nella realtà quotidiana ove l’attività professionale,formativa e di ricerca dei medici ospedalieri è parte rilevante”.

“Non vorremmo – conclude Troise – che dopo il pre-giudizio di un invecchiamento più lento, per cui i medici universitari vanno in pensione tre anni dopo i medici ospedalieri, prendesse corpo l’idea di una superiorità genetica che li farebbe preferire nelle funzioni di consulenza del ministero della Salute e nei ruoli di rappresentanza del mondo sanitario italiano”. (Adnkronos Salute 23 dicembre 2010)

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top