Breaking news

Sei in:

«Serve idea nuova di sanità-pubblica. Se la sente nuova Ministra?»

Ormai abbiamo capito che il “survival kits” delle politiche compatibiliste e marginaliste di questi anni non basta più. Se la sentirebbe la Lorenzin di misurarsi con un pensiero riformatore che garantisca la compossibilità tra i diritti e i limiti economici?

La lettera al direttore di QS di Daniela Francese (vincitrice del “premio nazionale informazione per la salute” al festival internazionale di giornalismo di Perugia), e quella dell’intersindacale medica al governo Letta, (QS) ci portano al cuore dei problemi della sanità. La prima parla di un “vuoto” fatto da “chiacchiere” ripetute stancamente, di contraddizioni della politica tra valori dichiarati e pratiche consociative, di “segnali di allarme” ignorati quasi non ci rendessimo conto dei pericoli che corre la sanità pubblica, di una “tendenza suicida” alla rassegnazione e all’ignavia….e alla fine racconta il suo “sogno di vedere una ideale catena umana” che unisca l’Italia intera in difesa della sanità pubblica da celebrare, proprio come un rito, il giorno in cui, 35 anni fa, vide la luce la 833 la riforma che istituiva il sistema sanitario nazionale, quindi il 23 dicembre.

La lettera dell’intersindacale medica, lancia non solo un allarme sui rischi di sfascio che corre la sanità pubblica ma ripropone in differita al governo Letta la piattaforma della manifestazione del 27 ottobre dello scorso anno (“diritto alla cura e diritto di curare”) quindi il peso politico di una mobilitazione alla quale avevano aderito praticamente tutti perfino le organizzazioni dei cittadini.

Non ci sarebbe “vuoto” se in questi anni le cose non fossero state svuotate del loro senso…e per salvare la sanità serve che essa sia nuovamente riempita di senso quindi di un nuovo pensiero riformatore.

Quale senso quindi? Non quello delle Regioni in attesa di rifare i fallimentari “patti per la salute”, o dei vari tipi di esperti che tentano di piazzare i soliti dati a questo e a quello per piazzarsi nel mercato degli interessi, o quello dei funzionari prigionieri delle leggi logore alle quali attendono per dovere di ufficio, o dei partiti una volta difensori della sanità pubblica che nell’inciucio hanno consegnato la sanità al pensiero liberista. Ma quello semmai di associazioni di cittadini che scrivono rapporti allarmanti sulla crisi grave del sistema (“Osservatorio civico sul federalismo in sanità rapporto 2012”), quello degli operatori che sono stanchi di abbozzare mortificazioni e privazioni …e da ultimo…solo e in silenzio…quello del singolo anziano seduto in una qualche sala d’aspetto, inerme, alle prese con i ticket che non può pagare, parcheggiato in qualche lista di attesa, che ostinatamente cerca rimedi, cure, analisi per le sue malattie rese sempre meno curabili da un diritto che si allontana….e che non potendo fare altro impreca, senza denti, contro la politica.

Il senso che vedo in queste due lettere è quello di recuperare il valore strategico della sanità pubblica come valore comune in cui collocare i legittimi valori particolari degli interessi, dei problemi, delle preoccupazioni, delle paure di tutti i giorni sia di chi lavora sia di chi si cura con questo lavoro.

Se non succede niente e tutto sembra come sospeso nel gioco ambiguo delle priorità, dei governi che inseguono le emergenze, la minaccia in realtà si fa sempre più forte perché i processi che stanno logorando la nostra sanità pubblica, continuano ad agire. Del resto la spesa sanitaria cresce ..il pil cala.. e poi ci sono i soldi da trovare per cancellare l’imu e finanziare questo e quello , e poi c’è la Germania, l’Europa e tutto il resto. In questo clima il significato delle due lettere è fortemente politico. Oggi la cancellazione possibile della sanità pubblica non verrebbe fuori dal “vuoto” perché tante sono le cose che hanno preparato il terreno, e tuttavia il “vuoto” ne sarebbe la condizione determinante…la sanità, è controriformata tutti i giorni un po’…e per cancellarla ormai non servirebbe neanche più una legge di controriforma…cioè il duello finale tra pubblico e privato…ma continuare a tirare a campare .

E allora? Allora se il “vuoto” è “in-sensato” bisogna riempirlo del senso perduto che ci incateni uno all’altro, come nel bel sogno di Daniela Francese ma che intanto ci conduca a quel “tavolo” che i sindacati stanno chiedendo da mesi. Tagli lineari, blocco dei contratti e del turn over, responsabilità professionale, ticket, formazione, precariato e rapporti con le professioni sanitarie sono alcune delle “questioni più urgenti e non procrastinabili”. Da qualcosa bisogna pur partire anche se ormai diffusa è la convinzione che quello che serve è una idea nuova di sanità pubblica, un progetto che ne rimuova le principali contraddizioni ma senza ridiscutere i suoi presupposti di civiltà. Ormai abbiamo capito che il “survival kits” delle politiche compatibiliste e marginaliste di questi anni non basta più…e che se non si mette in scena un “programma” riformatore, qualcuno può sentirsi autorizzato, in ragione del vuoto, a fare delle stupidaggini. La nostra bella ministra alla salute, il volto giovane del cambiamento, se la sentirebbe di misurarsi con un pensiero riformatore che garantisca la compossibilità tra i diritti e i limiti economici?

Ivan Cavicchi – Quotidiano sanità – 23 maggio 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top