Breaking news

Sei in:

«Sono come noi», «serve rispetto» La disfida degli animali in chiesa. A Roma respinta una fedele con cane. Il prete zoofilo: celebro nozze in loro presenza

di Claudia Voltattorni «Gli animali sono creature di Dio» si legge nel Catechismo della Chiesa cattolica. Perciò, «anche gli uomini devono essere benevoli verso di loro: ci si ricorderà con quale delicatezza i santi, come san Francesco d’Assisi o san Filippo Neri, trattassero gli animali». E non ci sarebbe quindi da stupirsi che cani e gatti (ma non solo) possano entrare in chiesa con i loro padroni, assistere alla Messa e ricevere anche la benedizione. Succede da anni, in molte chiese d’Italia.

Nel libro delle benedizioni ne è prevista una speciale per loro che «per disposizione della stessa provvidenza del Creatore, partecipano in qualche modo alla vita degli uomini, perché prestano loro aiuto nel lavoro o somministrano il cibo o servono di sollievo». Così il 17 gennaio, festa di sant’Antonio Abate, molte parrocchie celebrano i migliori amici dell’uomo con feste e processioni. In città sono soprattutto gatti, cani, canarini e altri animali domestici a essere protagonisti quel giorno. In campagna i cortei si arricchiscono di cavalli, capre, mucche, pecore. Questo una volta l’anno, quando, dentro la chiesa o davanti, (quasi) tutto è permesso.

I problemi arrivano quando i fedeli vogliono portare l’amico a quattro zampe a messa tutte le domeniche. Lì si misura la tolleranza e il buon senso dei parroci (ma anche dei proprietari di cani e gatti). A Genzano, vicino a Roma, dopo mesi di scontri, la situazione è esplosa con il parroco di Santa Maria della Cima che ha denunciato un gruppo di animalisti che domenica scorsa ha fatto irruzione in chiesa protestando contro la decisione di non far entrare una signora con i suoi cani. Loro urlavano: «Anche i cani hanno un cuore!». Lui racconta invece che da mesi la signora porta i suoi cani anche fin sotto l’altare durante la celebrazione.

A Napoli invece una futura sposa ha chiesto di essere accompagnata dal suo cane perché «è la vita mia». Permesso negato da don Franco Rapullino, parroco di San Giuseppe a Chiaia. Ma poi ha dovuto spiegare che la sua decisione non era dovuta a disprezzo verso il cagnolino, «ma dettata dall’eccentricità della richiesta: è un episodio emblematico dei tempi che viviamo in cui il distacco dall’essere umano è tale da preferire la vicinanza di un animale anche in un’occasione solenne come il matrimonio, non si possono confondere gli animali con le persone, questo mi fa paura».

In fondo è una questione di buon senso, sorride don Luigi Veturi, parroco di San Giovanni dei Fiorentini nel cuore di Roma, dove chiunque può portare cani o gatti quando vuole: «Non c’è una regola scritta — spiega —, ogni parroco decide in autonomia e poi ora c’è una sensibilità diversa, è permesso un po’ dappertutto, ma certo ci vuole buon senso e rispetto per il luogo dove ci si trova». Lui ogni domenica ha una ventina di parrocchiani che vengono a messa con il proprio cane, «mai avuto problemi e almeno due volte ho celebrato matrimoni con cani presenti». E pure la sera di Natale San Giovanni si riempie di animali, «ecco lì qualche disagio ogni tanto c’è, perché magari arrivano cani non abituati e si crea un po’ di confusione». Però la sua è una chiesa speciale, fu la prima d’Italia a ospitare animali durante le celebrazioni. Don Luigi è infatti il successore di don Mario Canciani, «prete animalista» che negli Anni 80 aveva aperto la sua parrocchia tutti i giorni dell’anno a ogni tipo di animale domestico che benediceva poi con una messa speciale il 4 ottobre di ogni anno, giorno di san Francesco d’Assisi, «all’epoca arrivavano da tutta la città», ricorda don Luigi.

Oggi altre chiese lo permettono e non ci si stupisce più nel vedere cani, soprattutto, ai piedi dei fedeli in preghiera. D’altronde si racconta che anche Paolo VI avesse consolato un bambino in lacrime per la morte del suo cane dicendogli: «Un giorno rivedremo i nostri animali nell’eternità di Cristo».

IL PRIMO INGRESSO AL SUPER, POI TRENI E SPIAGGE

È il 1992 quando una legge introduce limiti alla sperimentazione sugli animali, in nome del loro «benessere». Una prima vittoria per chi da anni combatteva per rende-re migliore la vita dei propri amici a 4 zampe. Dovranno trascorrere vent’anni per arrivare a una svolta, questa sì epocale anche per i padroni: dal 2012, infatti, la riforma del Codice civile consente alle persone di vivere in appartamento con cani e gatti annullando eventuali divieti previsti nei regolamenti condominiali. La stessa legge riconosce il diritto di soccorso agli animali in caso di incidente d’auto e permette all’ambulanza veterinaria di usare sirena e lampeggiante. Il 2012 è anche l’anno in cui i treni ad alta veloci-tà, Trenitalia prima, Italo subito dopo, aprono le carrozze ai cani, non più costretti a viaggiare nel trasportino come «bagaglio». Ad aprire la strada era stata nel 2009 la Regione Toscana, che aveva riconosciuto ai pet il diritto di stare sui mezzi pubblici. Sull’onda s’era poi mosso il supermercato Conad di Grosseto, primo in assoluto a sperimentare carrelli della spesa ad hoc per trasportare i 4 zampe. Gianluca Felicetti, presidente della Lav (Lega antivivi-sezione), spiega: «Il movimento animalista ha compiuto 40 anni, a lungo s’è battuto “con-tro”: l’abbandono, il maltrattamento. Dagli anni Duemila ha iniziato in modo sistematico a fare battaglie “per”, utili cioè ad accreditare le persone con un pet ». Alcune misure, come il passaporto, hanno una storia più antica. Nel nostro Paese il cane che viaggia al seguito del padrone oltre confine deve avere una certifica-zione sanitaria dal 1954. Ma, come precisa Claudio Monaci, dirigente del servizio veteri-nario della Ast di Milano, «era una misura di salute pubblica, per verificare che l’animale avesse fatto l’antirabbia». L’attenzione al benessere è cosa più recente. Ci sono, poi, le eccezioni. Dal 2010, il Manifesto «La coscienza degli animali», lanciato dal professor Umberto Veronesi e soste-nuto tra gli altri dall’onorevole Michela Brambilla, ha spostato l’ago della bilancia in favore dei pet . Si pensi al Codice penale che nel 2014 ha elevato il maltrattamento da contravvenzione a delitto e ancora prima, anticipando il trattato di Lisbona, aveva rico-nosciuto gli animali come «esseri senzienti». Il gap con il Codice civile, che li considera ancora «beni mobili» (cose), non è stato colmato. Anche se gli animali hanno conquistato alberghi, campeggi, spiagge. E in Parlamento è depositata una proposta di legge di riforma del Codice civile che consenta loro di accedere in ogni luogo aperto al pubblico. (Paola D’Amico)

  1. Corriere della Sera – 14 febbraio 2017 

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top