Breaking news

Sei in:

L’UE: nel 2022 i costi elevati e gli effetti duraturi della PSA spingeranno al ribasso la produzione di carne suina e anche le esportazioni dovrebbero diminuire 

Secondo le prospettive a breve termine di primavera della Commissione europea per i mercati agricoli dell’UE nel 2022, i costi di input dovrebbero spingere la produzione di carne suina al ribasso quest’anno e le questioni relative alla Brexit e alla PSA continuano a influenzare il commercio. Alla fine del 2021, gli elevati costi di input combinati con i bassi prezzi della carne suina hanno portato a prospettive di margini bassi e hanno spinto i produttori di suini dell’UE a ridurre il numero di scrofe da riproduzione del 3,6% nel 2021.

Tuttavia, i prezzi delle carni suine sono aumentati del 32% in un mese a partire da metà marzo 2022, raggiungendo EUR 178/100 kg (16% sopra la media quinquennale). Se questa tendenza continuerà è incerto e ciò non dovrebbe essere sufficiente a compensare le perdite dei mesi precedenti e i maggiori costi di input (energia e mangimi), che dovrebbero durare.

Come risultato di quei margini ridotti, la produzione di carne suina nell’UE dovrebbe diminuire del 3% nel 2022. La diminuzione della produzione nel 2022 dovrebbe essere la più forte in DE, PL e RO a causa della PSA. La produzione in Danimarca potrebbe rimanere stabile nel 2022, mentre in ES (Spagna) potrebbe aumentare del 3%.

Gli animali potrebbero essere mandati al macello più giovani – e più leggeri – del solito per risparmiare sui costi dei mangimi, dato che il rapporto di conversione del mangime tende a diminuire man mano che gli animali crescono. Il peso medio della carcassa è aumentato costantemente di circa 400 g/anno nel periodo 2011-2021, per raggiungere i 94 kg nel 2021. Nel 2021 il consumo di carne suina è aumentato del 2,9%. La disponibilità ridotta nel 2022 potrebbe spingere i consumi al ribasso del 3,1% nel 2022.

Le esportazioni di carne suina dell’UE verso la Cina sono diminuite nel 2021 e si prevede che continueranno a diminuire, come dimostrano in modo sorprendente le destinazioni di esportazione della ES. La maggior parte dei paesi asiatici non accetta la regionalizzazione delle esportazioni dai paesi dell’UE colpiti dalla PSA. Questo è il motivo per cui, ad esempio, DE ha perso l’accesso ai mercati cinese e giapponese alla fine del 2020. Inoltre, le esportazioni verso Ucraina, Bielorussia e Russia dovrebbero essere drasticamente ridotte a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Quelle opportunità di esportazione perse potrebbero essere solo parzialmente compensate dal recupero delle esportazioni nel Regno Unito e dalle maggiori opportunità nelle Filippine, negli Stati Uniti, in Australia, Vietnam, Cile e Costa d’Avorio. Nel complesso, le esportazioni di carne suina dovrebbero diminuire del 2,2% nel 2022.

Le importazioni dell’UE dal Regno Unito sono diminuite in modo significativo nel 2021, ma hanno iniziato a riprendersi alla fine dell’anno. Si prevede che continueranno ad aumentare nel 2022, con la graduale risoluzione dei problemi logistici legati alla Brexit. Complessivamente, Si prevede che le importazioni di carne suina nell’UE aumenteranno del 9,1% nel 2022, ma restano molto basse rispetto alle esportazioni.

Martedì 5 aprile, 2022/ Commissione Europea / Unione Europea.
https://ec.europa.eu

 

da 3tre3.it

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top