Breaking news

Sei in:

Malaria. Ci sono progressi ma non basta. Nel 2015 registrati 212 mln di nuovi casi e 429mila decessi in tutto il mondo. Il rapporto dell’Oms

La malattia colpisce soprattutto le popolazione dell’Africa sub-sahariana in cui si registrano il 90% dei casi e il 92% dei decessi. Migliorano le strategie di prevenzione ma servono risorse: nel 2015, il finanziamento della malaria ammonta a 2,9 mld di dollari, che rappresentano solo il 45% del traguardo finanziamento per il 2020 (6,4 mld). IL RAPPORTO MALARIA 2016

Secondo le ultime stime dell’OMS, pubblicate oggi, ci sono stati 212 milioni di casi di malaria nel 2015 e 429 000 decessi. Numero ancora grandi ma positivi. Tra il 2010 e il 2015, l’incidenza della malaria tra le popolazioni a rischio è sceso del 21% a livello globale. E durante lo stesso periodo, i tassi di mortalità della malaria tra le popolazioni a rischio sono diminuiti del 29%. Si stima che circa 6,8 milioni di morti per malaria sono state scongiurato a livello mondiale a partire dal 2001.

Il Rapporto segnala come l’Africa sub-sahariana continua ad essere la più colpita. Nel 2015, la regione ha ospitato il 90% dei casi di malaria e il 92% dei decessi. Circa 13 paesi – principalmente in Africa sub-sahariana – rappresentano il 76% dei casi di malaria e il 75% di morti a livello globale.

Nelle zone con elevata trasmissione della malaria, i bambini sotto i 5 sono particolarmente suscettibili alle infezioni, malattie e morte; più di due terzi (70%) di tutte le morti per malaria si verificano in questa fascia di età. Tra il 2010 e il 2015, il tasso di mortalità della malaria è sceso del 29% a livello globale. Tuttavia la malaria resta un killer di bambini sotto i cinque anni, causando la morte di un bambino ogni due minuti.

“Ci sono sicuramente dei progressi”, osserva il dottor Pedro Alonso, direttore del programma Global Malaria dell’OMS. “Ma il mondo sta ancora lottando per raggiungere gli alti livelli di copertura del programma che sono necessari per battere questa malattia”.

Un urgente bisogno di più fondi. L’Oms segnala come il finanziamento costante e sufficiente per il controllo della malaria “è una sfida seria. Nonostante un forte aumento degli investimenti globali per la malaria tra il 2000 e il 2010, le risorse non sono ancora suffcienti. Nel 2015, il finanziamento della malaria è stato di 2.9 miliardi di dollari, che rappresentano solo il 45% del traguardo finanziamento per il 2020 (US $ 6.4 miliardi).

Gli Stati Uniti d’America sono il più grande finanziatore della malaria internazionale, che rappresentano circa il 35% del finanziamento totale nel 2015, seguiti dal Regno Unito di Gran Bretagna e Nord Irlanda (16%).

“Se gli obiettivi globali vogliono essere raggiunti, il finanziamento sia da fonti nazionali che internazionali deve aumentare in modo sostanziale”, conclude l’Oms.

Quotidiano sanità – 13 dicembre 2016

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top