Breaking news

Sei in:

Stabilità, oggi la fiducia. Governo ancora al lavoro sul maxiemendamento. Rivolta nelle Province. Sconto fiscale ai fondi pensione. Aiuti su alluvioni e terremoti

Si allungano i tempi dell’esame del ddl Stabilità al Senato. Il maxiemendamento su cui il governo chiederà la fiducia (garantendo il recepimento di tutte le norme approvate nel passaggio in commissione e quelle condivise dalla maggioranza) sarebbe dovuto arrivare questa mattina, ma molto probabilmente la presentazione slitterà al pomeriggio per permettere a palazzo Chigi ulteriori limature. Il voto dovrebbe quindi svolgersi in serata.

Lavori d’Aula slittati al pomeriggio

Slittato alle 15 anche l’inizio dei lavori dell’aula: Roberto Calderoli (Lega) ha chiesto infatti la convocazione della commissione Bilancio per esprimere il parere sugli emendamenti al ddl di bilancio che accompagna la legge di Stabilità. La richiesta del voto di fiducia (su uno o più testi) è attesa al termine delle votazioni sulle proposte di modifica. Dopo il voto dell’aula si riunirà il Cdm, per approvare la nota di variazione al bilancio. I due provvedimenti torneranno quindi alla Camera per la terza lettura e il via libera definitivo, previsto al massimo nel fine settimana successivo al Natale.

Nella Stabilità anche il decreto sull’Imu agricola

Nella manovra dovrebbe confluire anche il decreto legge che proroga i termini di pagamento dell’Imu agricola (dal 16 dicembre 2014 al 26 gennaio 2015). Tra le novità introdotte nel passaggio a palazzo Madama il blocco della Tasi e il congelamento del canone Rai nel 2015, lo sconto del credito d’imposta Irap per gli autonomi, un bonus per i fondi pensione e per le casse di previdenza da utilizzare per gli investimenti, e l’anticipo della gara di aggiudicazione del gioco del Lotto. In arrivo anche nuove regole sulla tassazione e sul Patto di stabilità interno per gli enti territoriali.

Corsa finale per il via libera alla legge di Stabilità

Tempi stretti per approvare il tutto prima di Natale e tentativi di assalto alla diligenza (come l’emendamento di Sel che nella notte tra mercoledì e giovedì ha mandato sotto il governo strappando 5 milioni in più per la Sardegna) hanno spinto il governo a sfoderare nuovamente l’arma della fiducia: il lavoro della Commissione Bilancio è stato interrotto senza giungere alla votazione conclusiva.

Il governo ha allestito un maxiemendamento che recepirà, assicura il sottosegretario al Tesoro Pier Paolo Baretta, il lavoro svolto. Il voto, previsto nella giornata di oggi, consegnerà il testo alla Camera domani per il via libera definitivo tra domenica e lunedì.

Una cinquantina di articoli, dove spicca il rinnovo del bonus da 80 euro per chi guadagna meno di 1.500 euro al mese per il 2015 e l’eliminazione del costo del lavoro dall’imponibile Irap. In tutto un movimento finanziario di 32,4 miliardi, composto da maggiori entrate per 10,4 miliardi, minori spese per 16 e ricorso al deficit per 5,9 miliardi.

Il governo già guarda al 2015 con in prima linea il problema della crescita che i documenti ufficiali quantificano allo 0,6 e che organismi internazionali come l’Ocse danno allo 0,2 per cento: ieri Standard and Poor’s (che ha declassato molte banche italiane) ha confermato, come la Confindustria, l’uscita dalla recessione dell’Italia per il prossimo anno ma con un «ritmo basso» per il prossimi ventiquattro mesi. Pesano anche le turbolenze che tornano ad affacciarsi sullo scenario internazionale: petrolio, rublo e Grecia. Su tutte e tre ieri il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha sostanzialmente rassicurato. Sul petrolio: «A 60 dollari è una buona notizia vale lo 0,5 di crescita in più per l’Italia». Sulla Grecia che il 29 dicembre rischia di andare alle elezioni anticipate: «Nessun rischio di contagio per l’Italia». Più preoccupato il giudizio sulla crisi russa: «Molte imprese italiane hanno legami forti, è interesse di tutti che si stabilizzi».

Resta aperto il «caso» delle Province: proteste e presidi di segnalano già da ieri in tutta Italia (a Firenze dove si dorme con il sacco a pelo, Pisa e Massa) e la segretaria della Cgil Susanna Camusso ha annunciato per oggi una occupazione simbolica di tutte le sedi. I sindacati temono per i 20 mila esuberi (dal 1°gennaio 2 anni di «mobilità» a stipendio pieno e dopo altri due anni all’80 per cento dello stipendio, quindi il licenziamento) e per la mancanza delle risorse necessarie al trasferimento dei dipendenti a Comuni, Regioni e amministrazioni centrali. Il governo tuttavia sembra tenere duro: «Non ci sarà nessun licenziamento e il lavoratori continueranno a percepire lo stipendio fino alla nuova collocazione », assicura il sottosegretario al Tesoro Baretta. Si aggiunge che gli 8.000 dipendenti che saranno trasferiti al ministero del Lavoro per gestire i servizi per l’impiego continueranno a lavorare nel medesimo posto ma lo stipendio arriverà dallo Stato, più incerta la situazione dei 12 mila in transito alle Regioni. Il passaggio al Senato ha comunque sciolto alcuni dei nodi restati insoluti dall’esame della Camera: sono state trovate le risorse per le Regioni (un miliardo per il patto di Stabilità e più mutui con la Cassa depositi), sterilizzato l’aumento dell’Irap per le imprese senza dipendenti, ridotta parzialmente la tassazione dei fondi pensione e delle casse previdenziali, aumentate le risorse per il salario di produttività, bloccato l’aumento della Tasi per il 2015 e congelato il canone Rai. Arrivano, a pioggia, anche una serie di interventi per alluvioni, terremoti, Regioni, associazioni e situazioni di disagio, ma anche per i Tir. Sul piede di guerra i «grillini » che minacciano: «Via gli emendamenti ‘marchetta’ o faremo lavorare il Parlamento anche a Natale».

Novità dell’ultima ora l’emendamento- Lanzillotta discusso, ma non approvato, che potrebbe entrare nel testo finale e che prevede la soppressione delle microcontrollate pubbliche, di Comuni e regioni, che al 30 settembre di quest’anno avevano solo un amministratore o un fatturato inferiore a 100 mila euro. Sanzioni per chi non si adegua alla nuova normativa: 20 per cento della retribuzione lorda ai dirigenti responsabili del controllo dell’ente e agli amministratori stessi.

Repubblica – 19 dicembre 2014 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top