Breaking news

Sei in:

Medici, veterinari e dirigenti sanitari in stato di agitazione chiedono incontro a Governo e Regioni su legge bilancio e rinnovo contratto

Destinatari della richiesta il premier Gentiloni, le ministre Madia e Lorenzin e il Presidente della Conferenza delle Regioni, Bonaccini. Le Organizzazioni Sindacali della dirigenza medica e sanitaria preoccupate dello stato della sanità pubblica e dello stallo del loro contratto di lavoro, per il quale continua a mancare la previsione di un finanziamento specifico nella legge di bilancio 2018, mentre persevera indisturbato il taglio delle loro risorse accessorie, hanno proclamato lo stato di agitazione delle categorie interessate. Obiettivo dell’incontro richiesto  quello di illustrare le motivazioni dello stato di agitazione ed evitare l’inasprimento della vertenza.

Lo stato della sanità pubblica e il mancato rinnovo contrattuale. Sono queste le due preoccupazioni che hanno spinto le organizzazioni Sindacali della dirigenza medica e sanitaria – Anaao Assomed – Cimo – Aaroi-Emac – Fp Cgil Medici E Dirigenti Ssn – Fvm Federazione Veterinari e Medici – Fassid (Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr) – Cisl Medici – Fesmed – Anpo-Ascoti-Fials Medici – Uil Fpl Coordinamento Nazionale delle Aree Contrattuali Medica e Veterinaria – a proclamare lo stato di agitazione e a chiedere un incontro con il premier Gentiloni, le ministre Madia e Lorenzin e il presidente della Conferenza delle Regioni, Bonaccini.

I rappresentanti dei medici e dirigenti sanitrai del Ssn vorrebbero poter illustrare le motivazioni dello stato di agitazione indetto dalla categoria ed evitare l’inasprimento della vertenza. “Il contratto di lavoro – hanno spiegato i sindacati – è in stallo. Continua a mancare la previsione di un finanziamento specifico nella legge di bilancio 2018, mentre persevera indisturbato il taglio delle loro risorse accessorie. Chiediamo, pertanto – hanno concluso i rappresentati di categoria – un incontro al fine di potere illustrare le nostre motivazioni, per evitare un inasprimento della vertenza che non potrà che arrecare disagi ai cittadini”.

21 novembre 2017

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top