Breaking news

Sei in:

Modica: cani azzannano madre e figlio, la donna è in gravi condizioni

L’episodio nella villa di un professionista della cittadina del Ragusano presso la quale la signora presta servizio come domestica. I quattro pastori tedeschi erano addestrati alla difesa

Una domestica e suo figlio sono stati azzannati da quattro pastori tedeschi nella villa di un professionista di Modica in provincia di Ragusa dove la donna lavora. Gravi le condizioni della 54enne M. P., ricoverata nell’ospedale “Maggiore” di Modica con ferite diffuse in tutto il corpo, soprattutto alle gambe: le sono stati applicati oltre 30 punti di sutura. Meno preoccupanti le condizioni del figlio, il ventenne C. P., che ha subito morsi alla coscia destra e ha ricevuto alcuni punti di sutura. A interrompere l’attacco dei cani è stata la figlia del padrone di casa, che ha sentito le urla delle vittime ed è accorsa per richiamare le bestie.

Secondo quanto ricostruito, i cani, addestrati alla difesa,  verrebbero sempre lasciati liberi di girare per la villa. L’attacco è avvenuto nella serata di ieri, quando il figlio della domestica si è recato nella villa per riportare a casa la madre. Una volta aperta la porta della villa, il giovane è stato aggredito dai pastori tedeschi. La madre ha cercato di soccorrelo e gli animali si sono rivolti anche contro di lei. Il professionista non era in casa in quel momento. La donna, che per lo shock ha perso i sensi, e il figlio sono stati soccorsi dai familiari del padrone e trasportati in ospedale. Sull’episodio sono in corso indagini.

Repubblica – 14 agosto 2013 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top