Breaking news

Sei in:

Monastier. Anche la casa di cura si mobilita contro il progetto porcilaia che ospiterà fino a 892 scrofe

La porcilaia di Sant’Andrea di Riul mette in allerta la casa di cura “Giovanni XXIII” di Monastier. Attraverso il dottor Ugo Coli, direttore sanitario della struttura sanitaria convenzionata con l’Usl 9, è stata presentata nei giorni scorsi in municipio a Roncade la richiesta formale di accesso agli atti e alla documentazione depositata dalla società che propone il progetto, l’azienda agricola “La Grazia”.

Il sito individuato per l’insediamento della porcilaia, che potrà ospitare fino a un massimo di 892 scrofe, si trova infatti circa un chilometro in linea d’aria dalla casa di cura di Monastier. Chiaro, quindi, che la direzione della struttura sanitaria guardi con una certa preoccupazione al possibile arrivo dell’allevamento di suini nelle vicinanze. Cattivi odori, specie nei giorni di bassa pressione e d’estate, e invasioni di mosche sono solo due dei timori condivisi da tutti coloro che chiedono a gran voce che la porcilaia non arrivi a Sant’Andrea di Riul. Lo stesso sindaco di Monastier, Salvatore Lo Stimolo, in occasione di un vertice sul tema della porcilaia con i colleghi di Roncade e San Biagio, Simonetta Rubinato e Alberto Cappelletto, aveva manifestato forti perplessità sul progetto in questione dal momento che «nelle vicinanze del sito, ma in territorio di Monastier», aveva spiegato, «esistono siti molto sensibili di tipo sanitario, turistico e agricolo di pregio», riferendosi dunque anche alla casa di cura. La struttura ospedaliera ora analizzerà le carte e i progetti prima di pianificare qualsiasi eventuale strategia contro la porcilaia. Il Comune di Roncade intanto ha messo a disposizione degli interessati la documentazione della pratica edilizia allo sportello unico Attività produttive, in via San Rocco, aperto il lunedì e mercoledì dalle 8.30 alle 12.30 e il mercoledì dalle 16 alle 18. Verrà anche istituito un gruppo di esperti che supporti le scelte delle amministrazioni in vista della conferenza di servizi. E intanto entra nel vivo l’attività del comitato di cittadini “Campagna Viva” che raccoglie oltre un’ottantina di cittadini tra Roncade, Monastier e San Biagio. Martedì sera è in programma una riunione del comitato durante la quale gli avvocati che seguono il gruppo, Luca Pavanetto e Fabio Lena, illustreranno ai cittadini le possibili mosse per opporsi sin da subito al progetto dell’azienda “La Grazia”.

La Tribuna di Treviso – 3 novembre 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top