Breaking news

Sei in:

Morti altri animali per i bocconi avvelenati, allarme a Bibione

Si allarga il caso dei cani stroncati dopo aver morso un’esca. In Pineda ucciso uno yorkshire. Indaga la polizia locale

Si allunga nella località balneare la lista degli animali morti a causa di esche e bocconi avvelenati. Un’esemplare di yorkshire è deceduta lunedì scorso, dopo aver addentato un boccone velenoso a Bibione Pineda. Le autorità però rassicurano e parlano di “casi isolati”. Non esisterebbe cioè un disegno criminale volto a uccidere le bestiole.

Tra le ipotesi prese in considerazione dai vigili urbani che monitorano la situazione senza aver avviato indagini in assenza di denunce, anche il fatto che i cani deceduti possano aver addentato esche per topi. Intanto si è saputo, poi, di un altro cane che ha ingerito un boccone avvelenato sempre nel parco di Lido dei Pini. «Lo ha salvato il veterinario», ha riferito l’assessore Luca Marchesan, colui che ha messo in evidenza il caso, raccontando anche del primo decesso, quello che ha fatto rizzare le antenne durante la seduta di giunta di giovedì. I proprietari di quel cane morto, indignati, hanno fatto armi e bagagli e sono rientrati in Germania. Il secondo cane morto, di nome Lola, era di proprietà di una negoziante di Conegliano, che da poco ha riaperto l’attività a Bibione Pineda, quindi in una zona diversa da quella del primo caso, avvenuto a Lido dei Pini.

La Nuova Venezia – 27 maggio 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top