Breaking news

Sei in:

Nas sequestrano 2.300 prosciutti Dop. Maiali nutriti con scarti

L’operazione “Trash Food” ha portato alla confisca di prodotti in una quarantina di stabilimenti emiliani e friulani, per un valore complessivo di 300 mila euro. Il proprietario è stato denunciato per frode in commercio e vendita di prodotti non genuini.

I Nas di Cremona nel corso dell’operazione “Trash Food” hanno sequestrato in una quarantina di stabilimenti di stagionatura emiliani e friulani 2.300 prosciutti Dop (Parma, San Daniele e Modena) provenienti da maiali allevati e nutriti in maniera poco ortodossa. Il mangime somministrato agli animali, infatti, proveniva da ‘rifiuti speciali’, ossia scarti dell’industria alimentare che dovevano essere smaltiti negli impianti di biogas.

Il proprietario dell’allevamento è stato denunciato per frode in commercio e vendita di prodotto non genuini, e anche per traffico illecito di rifiuti in concorso con il titolare di due aziende alimentari (una nel mantovano e una nel parmense) che gli vendeva gli scarti di produzione. Al sequestro di 1.900 prosciutti di Parma e di Modena e 400 San Daniele, per un valore di circa 300 mila euro, si è arrivati dopo un’indagine partita la scorsa primavera, che è coordinata dal procuratore della Repubblica di Mantova, Antonino Condorelli.

L’operazione è partita quando i carabinieri si sono accorti, durante un’ispezione igienico-sanitaria, della grande quantità di rifiuti speciali, animali e vegetali, stoccati in un allevamento di suini. Gli scarti venivano usati come mangime. Per questo sono subito stati sequestrati 750 maiali e 30 mila tonnellate di scarti di lavorazione. E poi, stabilito che l’allevamento vendeva le cosce per diversi prosciutti Dop, il gip di Mantova, su richiesta della Procura e dei Nas, ha emesso il decreto di sequestro preventivo di tutte le cosce ottenute dalla maiali dell’allevamento e macellati negli ultimi 15 mesi. Se dai controlli sanitari risulteranno idonee al consumo, perderanno comunque la dicitura Dop.

Coldiretti: “Bene sequestri. La crisi aumenta rischio frodi in tavola”

“Le frodi a tavola sono quelle più temute dagli italiani con sei cittadini su dieci che le considerano più gravi di quelle fiscali e degli scandali finanziari, poichè possono avere effetti sulla salute”. È quanto ha affermato la Coldiretti nel commentare positivamente il sequestro di 2300 prosciutti Dop (Parma, San Daniele e Modena) da parte dei Nas di Cremona in una quarantina di stabilimenti di stagionatura emiliani e friulani perchè provenienti da maiali nutriti con rifiuti speciali, cioè scarti dell’industria alimentare che dovevano essere smaltiti negli impianti di biogas.

“Gli ottimi risultati dell’attività di controllo confermano – ha sottolineato la Coldiretti – la necessità di tenere alta la guardia contro le frodi a tavola, che mettono a rischio la salute dei cittadini e fanno concorrenza sleale alle imprese che sono impegnate nel mantenere alti standard di qualità”. “Un pericolo che – ha precisato l’associazione – si amplifica in un momento di crisi in cui da una parte aumenta il rischio che per risparmiare vengano utilizzati prodotti o processi produttivi pericolosi e dall’altra cresce il numero di coloro che sono costretti ad acquistare prodotti alimentari a basso prezzo”.

La credibilità conquistata dai produttori italiani nel garantire la qualità delle produzioni è per la Coldiretti un patrimonio da difendere nei confronti di quanti con le frodi e la contraffazione cercano di sfruttare la fiducia acquisita per fare affari.

quotidianosanita.it – 19 luglio 2012

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top