Breaking news

Sei in:

Nuovi Lea. Le Regioni pronte al via libera. Saitta: “Partiamo subito. Ma si faccia monitoraggio su applicazione entro 30 novembre per vedere se 800 mln bastano”

La decisone sarà ufficializzata alla Conferenza delle Regioni. In questa intervista il coodinatore della Commissione salute ci anticipa le ragioni che hanno spinto le Regioni a “sbloccare” la partita dopo lo scambio di lettere tra Lorenzin e Bonaccini. Ma sul finanziamento di 800 milioni previsti dalla stabilità 2016 i dubbi restano. Per questo servirà un tagliando entro la fine di novembre, prima della prossima finanziaria.

“Per noi i nuovi Lea possono partire subito, ma ad una condizione: che la commissione nazionale per l’aggiornamento dei Lea istituita nella scorsa Legge di Stabilità (composta da Ministero Salute, Mef, Iss, Agenas, Aifa e Regioni) lavori concretamente e in comune per monitorarne l’applicazione entro il 30 novembre e per valutare se per esempio le risorse (800 mln) sono sufficienti e le stime sono esatte”. Ad affermarlo è il coordinatore degli assessori della commissione Salute delle Regioni, Antonino Saitta che ci ha anticipato (al termine di una riunione congiunta con la commissione Finanze sullo status dei nuovi Lea dopo il botta e risposta tra il Ministro Lorenzin e il presidente Bonaccini delle scorse settimane) la posizione delle due commissioni che sarà all’ordine del giorno della Conferenza dei presidenti.

Il problema per Saitta è che oggi le Regioni non hanno dati certi e “ci stiamo basando su stime”. E poi c’è la questione delle differenze regionali: “Alcune regioni già garantiscono alcune prestazioni presenti nei nuovi Lea, ma tra esse alcune le erogano in regime ospedaliero e altri in ambulatoriale, e poi ci sono le Regioni che invece non le erogano”.

Il coordinatore chiarisce che le Regioni “hanno l’esigenza di avere dati concreti  ed entrare nel merito in modo da poter fare anche delle modifiche in vista del 2017 se dovessero sorgere problemi. Ma in ogni caso alla commissione chiediamo anche di fare una vera e propria operazione di revisione e ordine anche valutando la possibilità di togliere alcune prestazioni”.

E sui tempi per il monitoraggio (30 novembre), che sembrano oggettivamente strettissimi, Saitta fa presente come invece sia “possibile farcela se c’è un lavoro comune. E il nostro impegno è garantito e i nostri tecnici sono attrezzati”.

Luciano Fassari – Quotidiano sanità – 6 luglio 2016

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top