Breaking news

Sei in:

Ordinanza cani. Il presidente Fnovi Penocchio: “Subito corsi di formazione per i proprietari”

Commentando alcuni casi di cronaca avvenuti e la recente ordinanza del Ministero della Salute, il presidente della Federazione, Gaetano Penocchio, ha ribadito la disponibilità dei medici veterinari per realizzare ovunque questi corsi di formazione per istruire i ‘padroni’ e intevenire sui cani ‘problematici’.

A Roma, in una periferia fortemente antropizzata, un cane è stato liberato da due uomini che stavano danneggiando un locale pubblico, perché aggredisse due agenti di polizia intervenuti per fermarli. Il cane invece ha aggredito una passante e l’ha morsa ad una gamba. Bloccato e legato dagli agenti ad una inferriata è morto soffocato. A Messina, un cane di casa, ha aggredito una anziana che ben conosceva e l’ha morsa alla testa provocandone la morte. “Certo il fatto di Roma per le modalità indica il limite a cui è giunta la delinquenza e merita delle valutazioni specifiche. Il cane è in un certo senso vittima dei suoi proprietari che lo hanno usato come un’arma, con un addestramento che ne ha esaltato l’aggressività, attività vietata anche dalla vigente normativa Nel caso specifico sono anche preoccupanti le modalità con cui è stato gestito l’animale che lasciano intravvedere una mancata preparazione da parte delle forze dell’ordine chiamate a gestire al situazione”. Così Carla Bernasconi, vicepresidente della Fnovi, è intervenuta a commento di queste recenti notizie di cronaca.

Il caso di Messina pone invece, secondo Bernasconi, l’attenzione sull’ennesimo episodio in cui il cane di casa compie atti apparentemente senza spiegazione. In realtà sono quasi sempre errori di gestione e di comunicazione che portano al verificarsi di situazioni di questo tipo. Formazione ed informazione del proprietario sono la sola strada possibile per prevenire situazioni di varia gravità ed entità.

“L’ordinanza del Ministero della Salute, da poco reiterata dopo più di otto mesi di vuoto normativo prevede che in alcune situazioni, a seguito di morsicature, di aggressioni o di altre valutazioni su rischi potenziali per l’incolumità pubblica, i proprietari dei cani debbano partecipare a corsi formativi. Ma riteniamo, che alle parole sia tempo di far seguire fatti concreti – ha dichiarato Gaetano Penocchio, presidente della Fnovi – come i controlli sul territorio che accertino il possesso, l’iscrizione all’anagrafe e la corretta gestione dei cani ma, soprattutto, riteniamo necessario che il percorso volontario di formazione per i proprietari di cani il cosiddetto “patentino” trovi la maggior diffusione possibile”.

In tal senso medici veterinari si sono detti pronti per realizzare ovunque corsi di formazione per proprietari ed intervenire sui cani con problemi di comportamento. Obbligatori o e volontari, questi corsi sono necessari. “Un cane non può essere addestrato ad essere un’arma per proteggere i malavitosi oppure un antifurto e poi lavarsi le mani e la coscienza dai guai che ne derivano scaricando tutto sull’aggressività dell’animale – ha concluso Penocchio – i cittadini ed i medici veterinari sono in attesa di risposte. Ognuno faccia la propria parte.”

Quotidiano sanita – 11 settembre 2013

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top