Sei in:

Pubblico impiego, il ministro Madia: «Lavoriamo al rinnovo dei contratti». Ipotesi interventi ‘selettivi’. Ma tempi lunghi

madia riforma votoAlla Funzione pubblica si lavora «all’atto di indirizzo per la riapertura della stagione contrattuale del pubblico impiego». Lo ha spiegato ieri alla Camera la ministra per la Pa e l’innovazione Marianna Madia, sottolineando che l’atto di indirizzo si inserisce in un «impegno a 360 gradi per «rilanciare il valore dei dipendenti pubblici onesti» con le nuove regole su reclutamento, dirigenti e premi che troveranno spazio nel decreto attuativo della riforma Pa sul pubblico impiego: fin qui le intenzioni politiche, ma i tempi non si annunciano brevi, per due ragioni. La più nota è quella economica. La manovra 2016 ha messo a disposizione 300 milioni di euro (74 a forze armate e polizia, 7 a docenti e magistrati), a cui si aggiungono quelli che regioni ed enti locali dovranno trovare nei propri bilanci. Con queste premesse alla Funzione pubblica si studia l’ipotesi di interventi “selettivi”, per sostenere le fasce stipendiali più basse.

Rimandando i ritocchi per platee più ampie a tempi migliori, quando saranno definite le nuove regole su ordinamento, valutazione e premi. L’ipotesi ha sollevato subito le proteste dei sindacati, che ovviamente sul nuovo appuntamento scaricano anche le tensioni accumulate in sette anni di congelamento contrattuale, ma la reazione non è piaciuta alla ministra Madia secondo la quale in questo modo i sindacati finiscono per difendere gli stipendi più alti, e non quelli più deboli.

La selezione sui premi

Prima che politico, del resto, il problema è matematico, perché a parità di “dote” più la platea è ampia più l’effetto pro capite ovviamente si riduce. Con una manovra che ha messo sul piatto 300 milioni e in un quadro di finanza pubblica che non lascia supporre molte altre risorse in arrivo, un teorico aumento uguale per tutti offrirebbe meno di 10 euro lordi all’anno. In gioco, però, c’è anche l’obbligo, imposto dalla riforma Brunetta, di distinguere i dipendenti in tre fasce in base alla loro “produttività”, e negare i premisi colloca nella fascia più bassa. Per chi incontra questa sorte, ammesso che le Pa siano in grado di attivare davvero sistemi di valutazione a prova di contenzioso, il rinnovo del contratto potrebbe addirittura ridurre lo stipendio.

Riforma dei comparti ancora in cantiere

L’altro problema è invece dovuto a un quadro delle regole che fatica a definirsi. L’accordo per ridurre a quattro gli undici comparti in cui era diviso il pubblico impiego è stato firmato da Aran e sindacati a inizio aprile, ma il testo è ancora all’Economia e, come impone ancora una volta la riforma Brunetta, deve arrivare al traguardo prima che il nuovo atto di indirizzo possa partire davvero.

Madia sulla riapertura della stagione contrattuale

“… E come facciamo a rilanciare il valore sociale dei dipendenti pubblici? In due modi; primo modo è quello di riaprire la stagione contrattuale dopo molti, moltissimi anni di blocco, e due cose bisognava fare per riaprire i contratti pubblici e due cose il Governo ha fatto. Prima di tutto, stanziare delle risorse, lo abbiamo fatto nell’ultima legge di stabilità, e poi trovare un accordo di riduzione dei comparti. Lo abbiamo fatto e nelle more del perfezionamento tecnico di questa riduzione dei comparti stiamo lavorando all’atto di indirizzo per la riapertura della stagione contrattuale.

Oltre alla riapertura dei contratti, c’è tutta un’altra parte di valorizzazione dei dipendenti pubblici, che passa dall’attuazione di una serie di deleghe importanti della legge n. 124. Noi, per l’insieme della crisi e di una cattiva legislazione, abbiamo ereditato un personale pubblico spesso troppo anziano, troppo precario, con un ingiusto sistema di valutazione uniforme, che non premia chi fa bene, e quindi nei decreti della riforma della pubblica amministrazione legheremo le carriere dei dirigenti ai risultati conseguiti, cambieremo il sistema di reclutamento fondandolo sui fabbisogni reali delle amministrazioni e faremo della Scuola nazionale della pubblica amministrazione un luogo dove si crei alta cultura pubblica.

Non entro di più nei dettagli per esigenze di tempo, ma tutto questo deve testimoniare l’impegno a 360 gradi del Governo per fare in modo che alla fine di questa fase legislativa, quando ogni decreto sarà attuato, torni per le ragazze e per i ragazzi auspicabile, possibile e ambizioso lavorare per lo Stato, per la Repubblica e quindi per la collettività e la comunità”.

Leggi iltesto integraledell’Interrogazione e della risposta sul sito Fvm

Il Sole 24 Ore – 19 maggio 2016 

Leave a Reply
 

Your email address will not be published. Required fields are marked (*)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

site created by electrisheeps.com - web design & web marketing

Back to Top